• Articolo , 10 giugno 2010
  • Masdar partner con Total e Abengoa Solar

  • Masdar, con l’intento di progredire nello sviluppo dell’iniziativa poliedrica di Abu Dhabi, per la commercializzazione e la diffusione di tecnologie energetiche rinnovabili e alternative, ha dato notizia della collaborazione con Total e Abengoa Solar nel progetto di realizzazione e gestione di Shams 1, la più grande centrale elettrica solare a concentrazione del mondo, prima nel […]

Masdar, con l’intento di progredire nello sviluppo dell’iniziativa poliedrica di Abu Dhabi, per la commercializzazione e la diffusione di tecnologie energetiche rinnovabili e alternative, ha dato notizia della collaborazione con Total e Abengoa Solar nel progetto di realizzazione e gestione di Shams 1, la più grande centrale elettrica solare a concentrazione del mondo, prima nel suo genere in Medio Oriente.

Progetto di punta di Masdar, Shams 1 contribuirà direttamente al raggiungimento dell’obiettivo di Abu Dhabi di raggiungere il 7% di capacità di produzione dalle energie rinnovabili entro il 2020.

La joint venture tra Masdar (60%), Total (20%) e Abengoa Solar (20%) svilupperà, costruirà, ed opererà al mantenimento dell’impianto con sede a Madinat Zayed, circa a 120 chilometri a sud ovest di Abu Dhabi negli Emirati Arabi (UAE).

Shams 1 sarà il più grande impianto di energia solare concentrata nel mondo, su un’area di 2,5 km², possiederà una capacità di circa 100 MW e un campo solare composto da 768 collettori parabolici che verranno forniti da Abengoa Solar. L’inizio della costruzione è prevista per il primo trimestre del 2010 e dovrebbe durare circa due anni.

Commentando l’annuncio, il dottor Sultan Al-Jaber, amministratore delegato di Masdar, ha dichiarato: “Il lancio di Shams 1 segna una pietra miliare molto importante per Masdar e per Abu Dhabi. Sono molto orgoglioso dell’annuncio di oggi, perché questo progetto rappresenta il primo progetto commerciale di energia solare negli Emirati Arabi Uniti, rendendo reale gli obiettivi di leadership di Abu Dhabi nel settore delle energie rinnovabili per gli Emirati. Inoltre, Shams 1 permetterà di trasferire Masdar ad Abu Dhabi il know-how e le competenze che abbiamo acquisito dal nostro coinvolgimento nello sviluppo a livello mondiale di progetti rinnovabili all’estero, quindi non solo di aprire la porta ad ulteriori progetti di energia rinnovabile negli Emirati Arabi Uniti, ma anche per consentire il trasferimento di tecnologia, contribuendo alla sviluppo di un’economia della conoscenza di base e creare nuove opportunità di lavoro attraverso le specializzazioni richieste per gestire e far funzionare l’impianto. ”

“Sono lieto di iniziare questo viaggio insieme ai nostri partner strategici Total e Abengoa Solar, i quali hanno entrambi una notevole esperienza e un ottimo know-how nello sviluppo di progetti allo stesso livello di Shams 1. E ‘attraverso questi partenariati che Masdar riuscirà a sviluppare e promuovere soluzioni energetiche rinnovabili e di fornire ad Abu Dhabi e agli Emirati Arabi Uniti la leadership su scala mondiale nel settore delle energie rinnovabili e delle tecnologie pulite. Vorrei anche ringraziare i nostri partner e i soggetti interessati ad Abu Dhabi – in particolare ADWEA, ADNOC e il regolamento e vigilanza Ufficio di presidenza – per la loro collaborazione e il sostegno, e al nostro azionista Mubadala per il suo sostegno e la garanzia della quota di Masdar del progetto, ” ha continuato Al- Jaber.

“Partecipando a questo ambizioso progetto al fianco di Masdar e Abengoa Solar, Total sviluppa la sua attività nel settore dell’energia solare, arricchendo il proprio portafoglio di competenza con questo primo passo nella tecnologia solare concentrata, e ribadisce la sua partnership con Abu Dhabi”, ha commentato Philippe Boisseau, presidente di Total Gas & Power. “Siamo lieti di essere partner di Abu Dhabi, un paese dove abbiamo lavorato per più di 70 anni, nella sua ricerca di diversificazione energetica oltre che contribuire alla iniziativa di Masdar, che promuove lo sviluppo delle energie rinnovabili”.

Santiago Seage, CEO di Abengoa Solar, ha espresso anch’egli la sua soddisfazione: “Abbiamo collaborato con i partner più qualificati della regione, Total e Masdar, nella realizzazione e gestione di quello che sarà il più avanzato impianto solare, grazie all’utilizzo delle nostre tecnologie più all’avanguardia. “A sua volta, Michael Geyer, Direttore dello Sviluppo internazionale di Abengoa Solar, ha sottolineato l’immenso potenziale proveniente dalla costruzione di impianti solari su vasta scala in Medio Oriente, una regione che offre sia una risorsa illimitata di energia solare oltre che ampi spazi dei suoi deserti per la realizzazione degli impianti.

Shams 1 è registrato come un progetto nel quadro di sviluppo di energie pulite delle Nazioni Unite ‘Mechanism (CDM) e può beneficiare di crediti di carbonio. E ‘il primo impianto CSP registrato con il CDM e il secondo progetto di Masdar registrato. L’impianto ridurrà circa 175.000 tonnellate di CO2 prodotte annualmente, equivalenti alla coltivazione di circa 1,5 milioni alberi o alla rimozione di 15.000 automobili dalle strade di Abu Dhabi.