• Articolo , 21 dicembre 2010
  • Mattei: più unite le regioni che si affacciano sul Mediterraneo

  • «Questa è la prima grande occasione di scambio e di coordinamento per i futuri programmi della Commissione europea in materia di politiche del mare. In questo senso è fortemente auspicabile che l’integrazione delle politiche marittime dei popoli del bacino mediterraneo favorisca parallelamente la coesione fra le diverse regioni di questi paesi”. E’ quanto ha dichiarato […]

«Questa è la prima grande occasione di scambio e di coordinamento per i futuri programmi della Commissione europea in materia di politiche del mare. In questo senso è fortemente auspicabile che l’integrazione delle politiche marittime dei popoli del bacino mediterraneo favorisca parallelamente la coesione fra le diverse regioni di questi paesi”. E’ quanto ha dichiarato l’assessore Mattei nel corso della conferenza europea “Verso una politica marittima integrata a livello delle Regioni costiere mediterranee” tenutasi a Roma il 16 e 17 dicembre 2010.
L’evento, ospitato dalla Regione Lazio e promosso dalla Direzione Generale degli Affari marittimi e della pesca della Commissione Europea, ha dimostrato come ciascun territorio, secondo le proprie e differenti competenze, ha sviluppato a partire dal 2007 una governance marittima nell’ambito delle politiche in materia ambientale, dei trasporti marittimi, dell’energia, della ricerca, dell’industria, della pesca e dell’innovazione.
“La Conferenza ha offerto un quadro dello stato di applicazione della Politica marittima integrata nel Mediterraneo sulla base dell’analisi delle numerose azioni intraprese dalle stesse Regioni costiere mediterranee assieme ad altri partner, enti pubblici e privati, nonché enti di ricerca”, ha proseguito Mattei.
L’assessore ha tenuto a ricordare che fra i primi atti della Giunta Polverini figura un accordo di programma con il Ministero dell’Ambiente per favorire la difesa delle coste del Lazio e che l’Assessorato è impegnato nella preservazione della biodiversità del mare del Lazio e per fare in modo che la pesca rappresenti una reale opportunità di sviluppo per il Lazio. Nella stessa direzione vanno l’istituzione della “Cabina di Regia del mare” del Lazio che opera per la definizione di linee guida sulle modalità di promozione dello sviluppo del settore portuale in ambito commerciale e turistico, per la programmazione di interventi mirati ed efficaci per fronteggiare l’erosione delle coste e per l’ampliamento dell’offerta turistica.
Infine secondo Mattei per favorire una concreta integrazione culturale e politica fra i paesi del Mediterraneo, è quindi auspicabile il rilancio di una solida politica marittima integrata per promuovere il rispetto e la valorizzazione degli ecosistemi e per arrivare ad una regolamentazione unica di questo settore.