• Articolo , 4 novembre 2010
  • Messico, il clima minaccia le coltivazioni. L’allarme arriverà a Cancun

  • Secondo uno studio della Banca Mondiale l’innalzamento della temperatura globale potrebbe presto rappresentare un problema per il settore agricolo messicano: l’aumento del calore e della frequenza degli eventi atmosferici potrebbe mettere in allarme la sicurezza alimentare del paese

(Rinnovabili.it) – Il cambiamento climatico minaccia gli equilibri del Pianeta e nell’immediato potrebbe creare danni irreversibili alla produzione alimentare messicana, mettendo a rischio soprattutto cereali, sementi, latte e carne.
A tracciare il punto un rapporto pubblicato dalla Banca Mondiale che segnala come altamente preoccupanti l’aumento della temperatura globale, la riduzione della frequenza delle piogge e il verificarsi di eventi meteo di straordinaria intensità, fenomeni che potrebbero moltiplicarsi a breve danneggiando il comparto. Secondo quanto diffuso dall’istituto finanziario il settore agricolo messicano attualmente fornisce circa il 4% del prodotto interno del paese, generando il 15% dell’occupazione, e qualora si verificasse quanto previsto dai dati diffusi i primi a subirne le conseguenze sarebbero i piccoli agricoltori che utilizzano la produzione per l’alimentazione personale e che non dispongono dei fondi necessari per affrontare eventuali catastrofi A rendere la situazione ancor più delicata un dato su tutti: alle calamità si deve circa l’80% delle perdite economiche del paese a carico del settore agricolo registrate negli ultimi due decenni.
“Il cambiamento climatico potrebbe causare un aumento della scala e della frequenza degli incendi, la modificazione della vegetazione e delle foreste tropicali in savana nel centro e nel sud del Messico”, ha dichiarato l’istituto finanziario, sottolineando il pericolo per la sicurezza alimentare a carico soprattutto delle piantagioni di mais, alimento base per la maggior parte della popolazione locale. A fine mese, in occasione del vertice di Cancun, la preoccupazione messicana verrà presentata al mondo con la speranza di riuscire a delineare soluzioni che tutelino le coltivazioni e la popolazione preservandola da una eventuale crisi alimentare.