• Articolo , 8 settembre 2011
  • Messico: ridotto il tasso di deforestazione del 34%

  • Il paese intende collaborare con la Cina per portare la propria perdita annuale di patrimonio boschivo a zero entro dieci anni

(Rinnovabili.it) – Il Messico è riuscito a ridurre la propria perdita media annuale di foreste. L’annuncio arriva dal segretario dell’Ambiente e delle Risorse Naturali Juan Rafael Elvira che riferisce come il tasso di deforestazione si sia assestato su una media di 152.000 ettari l’anno negli ultimi cinque anni, registrando una riduzione del 34% rispetto ai 235.000 ettari persi annualmente tra il 2000 e il 2005. Spronato anche dalle continue pressioni degli ambientalisti il governo messicano a partire dal 2007 ha invertito la propria rotta politica iniziando ad investire massicciamente in programmi di conservazione e recupero del patrimonio boschivo. “La tutela forestale è uno strumento per combattere la povertà, creare posti di lavoro verdi, ridurre l’emigrazione, migliorare il tasso di vita delle comunità circostanti, offrendo nel contempo opportunità di sviluppo”, ha commentato Elvira, tra i protagonisti ieri e oggi della prima riunione del Forum della Cooperazione Economica Asia-Pacifico (APEC) di Pechino. Il Ministro ha inoltre rivelato che il Messico sta lavorando con la Cina al fine di stilare un memorandum di intesa nell’ambito della protezione forestale. “Il nostro obiettivo è riuscire nei prossimi 10 anni, compreso questo, ad invertire il tasso di deforestazione portandolo a zero, e vogliamo lavorare con la Cina non solo nell’ambito delle azioni di rimboschimento e conservazione delle foreste, ma anche su una gestione sostenibile del patrimonio boschivo”.