• Articolo , 10 febbraio 2010
  • Metano, nuovo bando da 2 milioni per potenziare la rete

  • E’ stato pubblicato oggi sul Burl (Bollettino ufficiale della Regione Lombardia) il nuovo bando finalizzato a sostenere lo sviluppo della rete del metano per auto, con una dotazione finanziaria di 2.000.000 euro. Nel frattempo sono entrati in funzione, da settimana scorsa, altri tre nuovi impianti per l’erogazione di metano: a Bregnano (Co) in via Beato […]

E’ stato pubblicato oggi sul Burl (Bollettino ufficiale della Regione Lombardia) il nuovo bando finalizzato a sostenere lo sviluppo della rete del metano per auto, con una dotazione finanziaria di 2.000.000 euro. Nel frattempo sono entrati in funzione, da settimana scorsa, altri tre nuovi impianti per l’erogazione di metano: a Bregnano (Co) in via Beato Michele Carcano, a Casorate Sempione (Va) in via Roma, sulla SP n.68, e a Orzinuovi (Bs) in viale Adua. Salgono così a 86 gli impianti di distribuzione di questo carburante sulla rete stradale regionale.
“Con questa nuova misura di sostegno – ha dichiarato l’assessore al Commercio, Fiere e Mercati, Franco Nicoli Cristiani – prosegue la nostra azione a favore della diffusione di carburanti puliti che, insieme alle politiche di incentivazione adottate da Regione Lombardia in questi anni, sta convincendo sempre più automobilisti a scegliere motorizzazioni alternative rispetto alle tradizionali, alimentate a benzina e diesel”.
Con il nuovo bando, in particolare, Regione Lombardia si impegna a garantire la semplificazione delle procedure per abbreviare i tempi di apertura degli impianti, dando certezza agli operatori che investono, nell’ottica di una maggior capillarità e omogeneità della rete distributiva sulla rete viaria regionale, stradale e autostradale, a garanzia del servizio finale all’automobilista.
“Regione Lombardia – prosegue l’assessore Nicoli Cristiani – continuerà a lavorare in questa direzione, potenziando i distributori esistenti con la colonnina del metano, dopo che per legge è stato introdotto l’obbligo del metano nelle aree di servizio per tutti i nuovi impianti da installare sulle future autostrade (Brebemi, Pedemontana, Tem, Broni-Mortara)”.
Agli incentivi messi a disposizione con questa iniziativa, potranno accedere anche gli operatori che apriranno impianti a metano liquido e a biometano.
“Grazie a queste politiche lungimiranti – conclude Nicoli Cristiani – dal 2001 il numero degli impianti di distribuzione di metano per auto è cresciuto da 26 agli attuali 86. Con l’apertura degli ultimi tre impianti ci avviciniamo sempre più all’obiettivo di arrivare entro la fine legislatura ai 100 indicati come target”.