• Articolo , 27 gennaio 2010
  • Microturbine Revolutionair, design d‘autore per l’eolico

  • Grazie al lavoro congiunto tra l’azienda Pramac e il designer Philippe Starck il mercato del vento può proporre l’eolico da città: 2 microturbine efficienti che sono anche un oggetto d’arredo

(Rinnovabili.it) – Due nuove microturbine eoliche, belle da vedere ed efficienti nel produrre energia pulita. Sono il frutto della collaborazione tra l’azienda produttrice Pramac e il designer Philippe Starck e sono state presentate stamattina alla Triennale di Milano dove Paolo Campinoti, Amministratore Delegato di Pramac S.p.A., ha illustrato il progetto che ha portato alla realizzazione della linea di microturbine “Revolutionair”. A margine della conferenza stampa Starck ha precisato: “La mia attenzione è oggi rivolta alle rinnovabili – ha commentato
il designer – Le due mini pale eoliche sono accessibili a tutti, facili da trovare e installare oltre che molto silenziose. Ho sempre desiderato realizzare una pala che fosse“invisibile” con l’obiettivo di farla diventare un oggetto del desiderio per tutti.
La microturbina eolica, come evoca il suo nome, è rivoluzionaria per due diversi motivi, la forma innovativa e la possibilità di essere utilizzata anche a livello domestico. Si tratta,
infatti, di un vero e proprio oggetto di design, esteticamente piacevole e adatto alle microproduzioni, in linea con gli schemi più moderni di produzione e distribuzione dell’energia da fonti rinnovabili”.
Lo studio per la realizzazione delle microturbine, che possono finalmente essere commercializzate, risale al 2007. Oggi, a due anni dalla presentazione dei prototipi, le 2 turbine della linea Revolutionair, la WT 400W, una microturbina eolica a forma quadrangolare con una potenza pari a 400W e la WT 1KW, a forma elicoidale con una potenza pari a 1KW, estremamente efficienti e silenziose, si adattano perfettamente ad essere istallate anche in area urbana, nei giardini e persino sulle imbarcazioni.