• Articolo , 19 dicembre 2008
  • Milano: Ambiente, In arrivo nuovi taxi ecologici

  • “Milano avrà una flotta di taxi completamente ecologica in vista di Expo 2015, ma già alla fine del 2010 potranno essere messe in servizio solo autovetture a impatto ambientale nullo o basso”. Lo ha annunciato l’assessore alla Mobilità, Trasporti e Ambiente Edoardo Croci illustrando un accordo, ratificato oggi in Giunta, tra Comune e taxisti che […]

“Milano avrà una flotta di taxi completamente ecologica in vista di Expo 2015, ma già alla fine del 2010 potranno essere messe in servizio solo autovetture a impatto ambientale nullo o basso”. Lo ha annunciato l’assessore alla Mobilità, Trasporti e Ambiente Edoardo Croci illustrando un accordo, ratificato oggi in Giunta, tra Comune e taxisti che prevede l’acquisto di mezzi a bassa o nulla emissione inquinante entro il 2015. L’accordo era stato precedentemente sottoscritto da CNA Satam, Unione Artigiani, Confartigianato di Milano e Provincia, ACAI Milano, AGCI, ConfCooperative, CGIL e CISL.”Un taxi – ha spiegato Croci – percorre mediamente 40.000 km all’anno, l’equivalente di 5 auto private. E’importante quindi ridurre le emissioni di questi veicoli, anche come esempio visibile per tutta la città. Questa misura si inserisce nella piú ampia strategia per promuovere la mobilità sostenibile e la qualità dell’aria a Milano”.Un primo passo in questa direzione era già stato fatto nel novembre 2006 con un accordo firmato dal Sindaco Moratti e dalle rappresentanze dei tassisti finalizzato al miglioramento complessivo del servizio, nel quale venivano anche ribaditi gli impegni per attuare politiche di incentivazione alla sostituzione delle auto con veicoli ad emissione zero o a basso impatto ambientale.Dal 31 dicembre 2010 potranno essere immessi in servizio esclusivamente veicoli ibridi, gpl o metano, o comunque veicoli a bassa emissione. Dal 1° settembre 2014 tutti i taxi di Milano saranno “ecologici”.Un adesivo che identifica il veicolo ecologico sarà esposto su tutti i veicoli a bassa o nulla emissione già in servizio e su quelli di nuova immissione per distinguere i “taxi ecologici”.Attualmente i taxi alimentati con carburante a bassa emissione o ibridi sono passati da 300 di fine 2005 ai 1080 di fine ottobre 2008. Oggi, quindi, il 22% della flotta taxi è ecologica. Nel 2008 i taxi gpl-elettrici-metano immatricolati sono 429 su un totale di 1032, pari al 41,5% di tutti i mezzi entrati in circolazione quest’anno.Nella seduta di oggi la Giunta ha anche approvato un bando di 500.000 euro che garantirà incentivi per l’acquisto di veicoli a basso o nullo impatto ambientale o per la trasformazione dei veicoli a gpl o metano.
Il contributo sarà di 1.000 euro per chi acquista un’auto nuova e di 750 euro per chi trasforma a gpl o metano il proprio veicolo Euro 3 o Euro 4.
Il bando sarà pubblicato entro fine dicembre. Il contributo potrà essere cumulato con altre forme di sostegno erogate da altri enti pubblici e/o privati definiti in accordo con le associazioni di categoria.
Il Comune si impegna inoltre a raddoppiare entro il 31 dicembre 2010 il numero degli impianti di distribuzione a metano, a incrementare quelli che riforniscono energia elettrica, i distributori per gli autoveicoli alimentati a idrogeno e l’insediamento di nuovi impianti per l’erogazione di gpl o metano.