• Articolo , 3 marzo 2008
  • Ministri dell’Ambiente europei divisi su piano CO2

  • E’ irto di ostacoli il percorso che porta a Copenaghen. Questo è il quadro che emerso oggi dal confronto politico dei ministri dell’Ambiente europei. I 27 sono ancora divisi sul percorso da seguire per ridurre le emissioni di gas ad effetto serra, ma concordano sulla esigenza d’arrivare uniti al vertice del 2009. Alla consegna del […]

E’ irto di ostacoli il percorso che porta a Copenaghen. Questo è il quadro che emerso oggi dal confronto politico dei ministri dell’Ambiente europei. I 27 sono ancora divisi sul percorso da seguire per ridurre le emissioni di gas ad effetto serra, ma concordano sulla esigenza d’arrivare uniti al vertice del 2009. Alla consegna del piano nazionale di allocazione delle emissioni di CO2 al settore industriale, il ministro Pecoraro Scanio ha ribadito il sostegno italiano al pacchetto Ue. Tuttavia ha rimarcato la necessità di coinvolgere nell’operazione anche i settori dei trasporti, dell’abitazione e dell’agricoltura e la mancanza di un’iniziativa legislativa nel settore del risparmio e dell’efficienza energetica.