• Articolo , 17 novembre 2009
  • Ministri Ue decidono riduzione 80-95% dei gas serra al 2050

  • Riunione dei ministri Ue dell’Ambiente in preparazione degli ultimi documenti da presentare alla Conferenza di Copenhagen in merito alla riduzione dei gas serra entro il 2050 e del taglio degli scarichi di aerei e navi

(Rinnovabili.it) – Via libera da parte dei ministri dell’Ambiente dell’Ue alla delibera che ha deciso il trend di diminuzione di CO2 nell’Unione. La Ue si presenterà quindi a Copenaghen con un programma di tagli delle emissioni di gas serra dell’80-95% entro il 2050 (sui livelli del 1990). Questi obiettivi saranno però operativi solo nel caso in cui altre nazioni industrializzate si adegueranno a questi standard.
Altra decisione importante riguarda gli scarichi di aeroplani e navi da trasporto civile che dovranno subire un taglio dal 10% al 20% al di sotto dei livelli del 2005. Anche in questo caso si tratta però di provvedimenti non unilaterali e che avranno attuazione solo se dovessero essere recepiti a livello globale.
Nessuna decisione invece sul possibile commercio da parte dei paesi dell’Est europeo dei propri permessi di emissione, (per circa 150 miliardi di dollari), previsti dal Protocollo di Kyoto.
Infatti se queste nazioni vendessero tutti i propri crediti, potrebbero danneggiare seriamente gli sforzi globali per la riduzione dei gas serra. Nel documento siglato però si è ammorbidita la posizione visto che si indica come la vendita dei permessi potrebbe “avere un impatto” sul contrasto al cambiamento climatico, invece della parola “minare” di una precedente versione.