• Articolo , 13 gennaio 2011
  • Miroglio. Capone:“Fondamentali le procedure autorizzative per l’esame del piano”

  • Il processo di riconversione dello stabilimento tessile Miroglio secondo la proposta presentata dalla Be4Energy, sarà avviato solo dopo la presentazione materiale da parte dell’impresa della domanda di autorizzazione unica per le rinnovabili. La proposta di riconversione presentata dall’azienda tedesca specializzata nella produzione di pannelli fotovoltaici, sarà al centro di una bozza di protocollo redatta dal […]

Il processo di riconversione dello stabilimento tessile Miroglio secondo la proposta presentata dalla Be4Energy, sarà avviato solo dopo la presentazione materiale da parte dell’impresa della domanda di autorizzazione unica per le rinnovabili. La proposta di riconversione presentata dall’azienda tedesca specializzata nella produzione di pannelli fotovoltaici, sarà al centro di una bozza di protocollo redatta dal ministero dello Sviluppo economico e poi siglata dalle istituzioni coinvolte e dai sindacati dei lavoratori. L’accordo avrà al centro questa precisa condizione: la presentazione di un’istanza ammissibile di autorizzazione unica da parte dell’azienda tedesca.
È questo l’esito del lungo incontro sulla vertenza Miroglio avvenuto questo pomeriggio a Roma nella sede del ministero dello Sviluppo economico.
Per la Vice Presidente e Assessore allo Sviluppo economico Loredana Capone che ha partecipato alla riunione appena conclusa, “è stato un incontro lungo e fruttuoso che ha consentito di chiarire a tutti i partecipanti l’importanza delle procedure autorizzative come precondizione per l’esame del piano industriale che prevede la ricollocazione dei lavoratori”.