• Articolo , 2 luglio 2008
  • Mobilità: coro di critiche da PD e Verdi su proposta Ecopass Roma

  • Coro di critiche da Pd e Verdi alla proposta dell’assessore all’Ambiente del Comune di Roma, Fabio De Lillo, di abolire la Ztl e introdurre l’Ecopass nella capitale. Secondo Filiberto Zaratti, assessore all’Ambiente della Regione Lazio, “applicare il modello milanese dell’Ecopass a Roma significherebbe un decisivo passo indietro rispetto alle attuali misure di restrizione del traffico […]

Coro di critiche da Pd e Verdi alla proposta dell’assessore all’Ambiente del Comune di Roma, Fabio De Lillo, di abolire la Ztl e introdurre l’Ecopass nella capitale. Secondo Filiberto Zaratti, assessore all’Ambiente della Regione Lazio, “applicare il modello milanese dell’Ecopass a Roma significherebbe un decisivo passo indietro rispetto alle attuali misure di restrizione del traffico veicolare della capitale”. “Non si contrasta l’inquinamento atmosferico – aggiunge – ne’ si difende la salute dei cittadini della capitale facendo prevalere il principio che pagando si possa avvelenare l’aria”. “La Ztl di Roma, una delle maggiori d’Europa, va mantenuta e va garantita la sua funzionalita’ – conclude Zaratti – Occorre mettere in campo tutti gli interventi contenuti nel Piano di tutela della qualita’ dell’aria approvato pochi giorni fa dalla giunta regionale del Lazio. Questi interventi saranno concertati con le amministrazioni comunali e contribuiranno a contrastare l’aumento delle polveri sottili e dell’inquinamento atmosferico”. Per il senatore Pd Roberto Della Seta la limitazione del traffico privato nel centro storico di Roma “e’ una delle esperienze piu’ riuscite e non solo in Italia” e sostituirla “con un non meglio precisato ticket d’ingresso per il centro storico rappresenterebbe un grave passo indietro e un danno rilevante prima di tutto per la salute dei romani”. Secondo Angelo Bonelli dei Verdi l’introduzione dell’Ecopass “e’ una presa in giro”: “Si tratta di decisioni superficiali ed irresponsabili che rischiano di aumentare il traffico cittadino, l’inquinamento da pm10 e di portare Roma all’ingorgo”. “Se il Campidoglio continuera’ con questo disegno irresponsabile – afferma Bonelli – noi siamo pronti a denunciare il Comune di Roma alla Comunita’ Europea chiedendo l’apertura di un’infrazione”. Sull’annuncio di De Lillo e “la smentita del sindaco”, Athos De Luca, consigliere comunale del PD, scrive in una nota: “Dilettanti allo sbaraglio verrebbe da dire, se non fosse che si sta parlando della salvaguardia e del delicato equilibrio del centro storico di Roma, che nella proposta di De Lillo sarebbe invaso da orde di auto senza alcun diritto, purche’ paganti, riportando cosi’ la citta’ agli anni 70 e mandando in tilt il traffico.” Infine, il consigliere comunale del Pd Massimiliano Valeriani sostiene che “l’unico modo per l’assessore di fare la sua prima bella figura sarebbe quello di dimettersi”.