• Articolo , 20 luglio 2011
  • Mobilità elettrica, parte la sperimentazione di Singapore

  • Da quest’anno al 2013, quasi 100 veicoli elettrici verranno testati sulle strade cittadine. Obiettivo: effettuare una serie di ipotesi circa il funzionamento e l’implementazione del sistema di tariffazione, il comportamento dei consumatori e le prestazioni generali delle e-car

(Rinnovabili.it) – Singapore come Parigi. Anche per la famosa città-stato asiatica inizia la fase di sperimentazione della mobilità elettrica. Ricalcando da vicino i passi del progetto SAVE, con cui il “piano Borloo” intende creare un’offerta elettrica globalizzata in 13 città francesi, ha avuto inizio in questi giorni anche a Singapore la *sperimentazione di un piano di e-mobility.*
Da quest’anno al 2013 la città testerà, sotto il programma *Electric Vehicles Test Bedding,* la funzionalità e l’integrazione urbana di un centinaio di veicoli a trazione elettrica e 63 stazioni di ricarica. Il banco di prova, gestito dalla _Energy Market Authority_ ( EMA ) e dalla _Land Transport Authority,_ coinvolgerà operatori del settore per valutare i requisiti delle infrastrutture e nuovi modelli di business legati alla diffusione di veicoli elettrici e per identificare e sviluppare la relativa industria e le opportunità di Ricerca e Sviluppo.

Il programma fornirà al contempo una piattaforma aperta per tutti i costruttori auto e alle aziende tecnologiche interessate a plasmare il futuro del sistema dei trasporti. “Uno degli obiettivi – spiegano alla Land Transport Authority – è quello di studiare come si comportano le batterie alle condizioni ambientali locali. Conoscere la frequenza di ricarica necessaria, la quantità di energia elettrica utilizzata, così come gli altri dati disponibili, ci permetterà di determinare l’efficienza pratica dell’auto elettrica nel nostro contesto urbano”. I gestori del programma sono interessati a determinare, entro il 2013, la rilevanza di questa forma di trasporto, i suoi limiti in termini di utilizzo, i necessari sussidi e le infrastrutture da realizzare. “A livello mondiale – ha spiegato Lawrence Wong, direttore esecutivo dell’EM – le soluzioni di e-mobility stanno emergendo come un’opzione promettente per abbassare l’intensità di carbonio. Questo programma ci permetterà di testare e valutare costi e benefici complessivi dei veicoli elettrici nel nostro contesto”.