• Articolo , 9 febbraio 2010
  • Mobilità elettrica sinonimo di opportunità industriale. Parola di Sebastiàn

  • Al via la riunione informale dei ministri dell’industria europei a San Sabastiàn, in Spagna. Sul tavolo, i veicoli elettrici e la loro diffusione in Europa

(Rinnovabili.it) – Saranno i veicoli elettrici e il loro sviluppo nell’ottica di una mobilità più sostenibile al centro della riunione informale dei ministri dell’Industria europei, oggi, a San Sebastiàn.
E dal sito della Presidenza Ue, in mano a Madrid dal 1° gennaio 2010, l’economista Miguel Sebastián, ministro dell’Industria, Turismo e Commercio del Governo Zapatero, spiega la linea d’azione sul tema con cui la Spagna vuole indirizzare il Consiglio:
“L’auto elettrica è un’opportunità per l’industria europea. La sua introduzione comporta lo sviluppo di nuove tecnologie, attività innovative, la produzione di valore aggiunto, la creazione di occupazione di qualità e la possibilità di aumentare le esportazioni, migliorando nel contempo l’efficienza e il risparmio energetico, controllando le emissioni di CO2 e riducendo la dipendenza dal petrolio e dai suoi derivati”.

“Dal nostro punto di vista, – continua il ministro – le istituzioni europee dovrebbero svolgere un ruolo guida nell’introduzione dei veicoli elettrici e in questa riunione informale presentiamo un documento rivolto a tutti gli Stati membri in cui si descrivono le principali implicazioni e sfide che devono essere affrontati in tal senso. Stiamo chiedendo ai paesi dell’UE di esprimere il loro parere, al fine di creare un dibattito interno che consenta la creazione di una strategia comune da parte della Commissione europea, l’istituzione atta a questo compito”.

Il meeting prevede tre sessioni di lavoro, due delle quali condotte da esperti nei settori di interesse, prendendo innanzitutto in considerazione le implicazioni dal punto di vista dell’industria – energetica, manifatturiera e tecnologica – e quindi aprendo il dialogo con le istituzioni, dal Parlamento spagnolo alla Commissione europea, includendo il Comune di Barcellona, una delle città che sta sviluppando un progetto pilota per introdurre i veicoli elettrici (MOVELE Project).
“La terza sessione generale spiega Sebastiàn – è riservata ai ministri di tutti i paesi membri affinché esprimano le loro opinioni e diano il loro parere su diversi aspetti relativi alla mobilità elettrica. Poiché si tratta di un incontro informale, nessun documento sarà approvato, ma la Presidenza spagnola ha preparato un rapporto per incoraggiare la discussione e suggerire, se idonee, una serie di conclusioni da inviare all’esecutivo comunitario”.