• Articolo , 13 luglio 2011
  • Moldavia: la spinta dell’UE verso la riforma energetica

  • La Commissione europea ha approvato un fondo di quasi 80 milioni di euro per sostenere il Paese nella riorganizzazione del settore energetico e aiutarlo ad avvicinarsi all’Europa

(Rinnovabili.it) – Un piano di azione annuale del valore di 78,6 milioni di euro per sostenere la riforma energetica e quella della giustizia. Succede nella Repubblica di Moldavia che, grazie al piano approvato proprio oggi dalla Commissione europea, potrà contare su un fondo piuttosto consistente per ristrutturare il settore energetico del Paese. Grazie a questo finanziamento, la Moldavia potrà non solo incrementare e promuovere la ricerca sulle potenzialità del settore delle fonti di energia rinnovabile, ma anche sostenere campagne di promozione e attività di sensibilizzazione sull’efficienza energetica e le rinnovabili in generale. Tra i vari punti contemplati dal programma di azione annuale 2011, c’è anche il programma di sostegno alla politica in materia di energia, finalizzato a sostenere gli sforzi del governo verso l’attuazione di una strategia energetica moldava. L’attività governativa sarà affiancata anche da una serie di azioni il cui obiettivo è quello di divulgare presso i cittadini le giuste conoscenze in materia. Per il Commissario per l’allargamento e la politica europea di vicinato, Stefan Fule, si tratta di una decisione che sostiene gli sforzi della Moldavia di avvicinarsi all’Unione europea, attraverso l’ottenimento di risultati concreti.