• Articolo , 4 febbraio 2011
  • Molise: Verso il Piano Agrienergetico Regionale

  • “Abbiamo dotato la nostra Regione di uno strumento in grado di indagare, valutare, pianificare e sostenere le reali possibili filiere energetiche applicabili nella realtà molisana, con l’obiettivo di supportare i decisori nelle scelte circa i modelli, le tecnologie, i sistemi organizzati da promuovere nelle agrienergie a scala regionale, tenendo conto non di una astratta e […]

“Abbiamo dotato la nostra Regione di uno strumento in grado di indagare, valutare, pianificare e sostenere le reali possibili filiere energetiche applicabili nella realtà molisana, con l’obiettivo di supportare i decisori nelle scelte circa i modelli, le tecnologie, i sistemi organizzati da promuovere nelle agrienergie a scala regionale, tenendo conto non di una astratta e generica potenzialità, ma considerando in modo analitico le reali opportunità presenti nel sistema agricolo e forestale attuale della nostra regione”.

E’ il commento dell’Assessore regionale all’Agricoltura, Nicola Cavaliere, a margine della presentazione del “Documento propedeutico alla redazione del Piano Agrienergetico Regionale”, avvenuta nel corso di un convegno sul tema.

Soddisfazione è stata espressa anche dagli organizzatori e degli addetti ai lavori per la riuscita dell’evento, nell’ambito del quale il gruppo di lavoro ha presentato i risultati del progetto di ricerca “Valutazione del potenziale bioenergetico della regione Molise”.

Il documento di indirizzo tecnico-scientifico e gestionale, rappresenta un valido strumento di supporto alle decisioni per lo sviluppo di settore e si propone l’obiettivo di implementare il Piano Energetico Ambientale Regionale varato nel 2006, nell’ambito del quale il settore agrienergetico non ha avuto la necessaria attenzione per il contributo che esso può offrire in seno al bilancio energetico regionale. Questo contributo evidenzia l’insostituibile ruolo che le risorse agroforestali svolgono nell’ambito delle produzioni energetiche rinnovabili, rappresentando un vero e proprio “manuale operativo” a supporto delle Amministrazioni pubbliche, delle Istituzioni scientifiche, dei tecnici, delle organizzazioni professionali agricole, delle aziende agricole e forestali e di tutti gli operatori del settore.

Nel corso del convegno è stato inoltre presentato e diffuso l’opuscolo “Piano di azione per le biomasse” a scopo divulgativo e informativo, che sintetizza efficacemente i principali contenuti del documento.

“Abbiamo la piena consapevolezza – dice Cavaliere – della primaria funzione della agricoltura nella produzione di beni destinati direttamente o indirettamente alla alimentazione umana, compito che si intende riaffermare, valorizzare e promuovere. Riteniamo vi siano delle possibilità nella produzione energetica generata da matrici e prodotti agroforestali che sarebbe erroneo sottovalutarle, perché, se opportunamente indirizzate, possono esprimere un’occasione di sviluppo e di integrazione del reddito delle imprese agricole e forestali”.