• Articolo , 8 aprile 2009
  • Moody’s conferma il rating A2 di Enel, con outlook negativo.

  • La decisione giunge a completamento dell’analisi svolta dall’agenzia di rating dal 23 febbraio 2009 dopo l’annuncio da parte di Enel dell’acquisizione del 25,01% di Endesa da Acciona per 11,1 miliardi di euro, che ha consentito al gruppo italiano di salire al 92% del capitale sociale dell’utility spagnola. La decisione di Moody’s di confermare il rating […]

La decisione giunge a completamento dell’analisi svolta dall’agenzia di rating dal 23 febbraio 2009 dopo l’annuncio da parte di Enel dell’acquisizione del 25,01% di Endesa da Acciona per 11,1 miliardi di euro, che ha consentito al gruppo italiano di salire al 92% del capitale sociale dell’utility spagnola.
La decisione di Moody’s di confermare il rating “riconosce le misure, annunciate a marzo, che Enel sta adottando per ripristinare il suo profilo finanziario alla luce dell’ulteriore acquisizione di capitale di Endesa e delle piu’ difficili condizioni complessive di mercato. Allo stesso tempo -spiega l’analista- l’outlook negativo riflette il grado di rischio di esecuzione di queste misure”. Questo rischio e’ legato in primo luogo all’ambiente economico attuale, che potrebbe avere un impatto sulla rapidita’ dei previsti processi di vendita di asset e sui proventi derivanti; in secondo luogo al calo della domanda di energia elettrica in Italia e Spagna.
Moody’s ha inoltre confermato le sue valutazioni su Endesa: invariato il rating di lungo termine A3, con outlook negativo, e il rating di breve termine Prime-2. red/ren