• Articolo , 9 giugno 2009
  • More4Energy: le rinnovabili del Lazio salgono in cattedra

  • Zaratti: 105.000 euro dall’Unione Europea per diffondere ad altre istituzioni territoriali in Europa le buone pratiche della Regione

(Rinnovabili.it) – Rafforzare la stesura di strategie regionali per l’energia rinnovabile e l’efficienza energetica attraverso lo scambio di migliori pratiche in materia di politiche energetiche sostenibili e lo sviluppo di un insieme integrato di strumenti per monitorare gli effetti di tali strategie regionali. Questo l’obiettivo perseguito dal progetto europeo “More4Energy”:http://www.more4nrg.eu/pages/home e che può contare tra i suoi partner anche la Regione Lazio. “L’Assessorato all’Ambiente della Regione Lazio – afferma Filiberto Zaratti, Assessore all’Ambiente e Cooperazione tra i Popoli della Regione Lazio – ha aderito al progetto More4Energy, firmando un accordo presso il Politecnico di Valencia. All’iniziativa hanno partecipano i partner del progetto, co-finanziato dal Programma Comunitario Interreg IVC, provenienti da sette paesi dell’Unione Europea e che vede per l’Italia, oltre il coinvolgimento del Lazio anche quello della regione Abruzzo”. Il budget assegnato è di 105.000 euro e la funzione della Regione “sarà quella di assistere regioni con minore esperienza in materia verificando la possibilità di trasferire le buone pratiche sulle rinnovabili e sull’efficienza energetica, che hanno riscontrato successo nella nostra Regione e che stiamo incrementando proprio in questo periodo grazie ai bandi Por sull’efficienza energetica e sulle rinnovabili. I quali ci consentiranno di erogare 74 milioni di euro di fondi comunitari a Enti locali e Pmi per migliorare la sostenibilità della nostra Regione”.
La durata complessiva del progetto è di 36 mesi e “permetterà di validare la strategia regionale della nostra Regione in materia di sostenibilità energetica sulla base di una valutazione condivisa a livello Comunitario. – conclude Zaratti – Questa iniziativa vedrà impegnata l’Area Pianificazione in materia di uso razionale dell’energia e di utilizzo delle fonti rinnovabili, della Direzione Ambiente che metterà a disposizione delle regioni Europee partner del progetto l’esperienza maturata negli ultimi anni nel settore delle rinnovabili e dell’efficienza energetica”.