• Articolo , 13 dicembre 2009
  • Nasce a Siracusa la Sezione provinciale dell’Isituto Nazionale di Bioarchitettura

  • Anche a Siracusa una nuova Sezione provinciale dell’Istituto Nazionale di Bioarchitettura. Nel pomeriggio di sabato 5 dicembre, nella sede associativa di via Agro Priolese 31/b di Priolo Gargallo, i soci fondatori della sezione si sono riuniti per la prima Assemblea Costituente, pervenendo sia all’elezione del Direttivo provinciale sia alla nomina dei Revisori dei Conti. I […]

Anche a Siracusa una nuova Sezione provinciale dell’Istituto Nazionale di Bioarchitettura. Nel pomeriggio di sabato 5 dicembre, nella sede associativa di via Agro Priolese 31/b di Priolo Gargallo, i soci fondatori della sezione si sono riuniti per la prima Assemblea Costituente, pervenendo sia all’elezione del Direttivo provinciale sia alla nomina dei Revisori dei Conti.
I lavori sono stati presieduti dall’architetto Anna Carulli, presidente regionale dell’INBAR; segretario dell’assemblea costituente è stato l’architetto Stefano Milioti. La Carulli e Milioti son afferenti alla sezione provinciale di Messina. Sono stati eletti membri del Direttivo il geologo Giuseppe Bellofiore, la biologa Valeria Coco, gli architetti Massimo Gozzo e Francesca Pedalino e l’ingegnere Fabio Raudino. Il Direttivo si riunirà nei prossimi giorni per assegnare le varie cariche. Undici complessivamente i soci fondatori: oltre ai professionisti poi eletti nel Direttivo, figurano anche gli architetti Giuseppe Marziano, Corrado Gozzo e Manuela Palermo, la geologa Francesca Di Blasi, il dottore commercialista Salvatore Zocco, il giornalista Santi Pricone. L’Istituto è finalizzato alla tutela e alla valorizzazione dell’ambiente naturale ed antropico; pertanto accoglie e organizza quanti, in possesso delle condizioni previste, si riconoscono nelle finalità statutarie. Le modalità di conduzione ed organizzazione dell’Istituto e delle sue strutture aderiscono ai principi di condivisione e partecipazione proprie di Agenda 21. Gli obiettivi dell’istituto Nazionale sono quindi la diffusione del pensiero di sostenibilità, il risparmio ed l’efficienza energetica in architettura (certificazione energetica), la compatibilità e la qualità ambientale.
Fra le principali attività che l’INBAR promuove: la promozione di ricerche, indagini, rilevazioni, studi e progetti pilota; la raccolta, coordinamento ed elaborazione di informazioni e dati; l’organizzazione di convegni, seminari, tavole rotonde e conferenze; l’assistenza tecnica a soggetti pubblici e privati; la pubblicazione di testi e periodici; l’istituzione di Marchi di Qualità a tutela e difesa del consumatore per progetti, prodotti e tecnologie rispondenti alle più avanzate normative di settore e alle indicazioni della Bioarchitettura; coordinamento della rete nazionale d’interrelazioni tra le attività dei diversi organismi settoriali e professionali; il mantenimento ed agevolazione di contatti ed interscambi con parallele istituzioni ed attività di altri Paesi, in particolar modo quelli della Unione Europea; la promozione di propri rappresentanti ed osservatori presso Enti ed Istituzioni qualificate; l’evidenziazione di proprie rappresentanze in altri paesi Europei ed extraeuropei.
Tali azioni saranno realizzate mediante stipula di accordi, per i quali l’Istituto potrà avvalersi dell’opera di istituzioni universitarie e di ricerca, di organismi specializzati e di ogni altro soggetto o società in grado di fornire il sostegno richiesto. Persone fisiche o giuridiche, associazioni enti pubblici e privati che condividono le finalità statutarie possono promuovere e/o supportare le attività dell’Istituto in qualità di Sostenitori.