• Articolo , 28 ottobre 2008
  • Nasce EERA, l’Alleanza Europea per la Ricerca Energetica

  • L’Enea insieme ad altri 9 enti di ricerca europei ha firmato oggi un passo importante nell’ottica dello sviluppo delle tecnologie “verdi”

EERA è l’acronimo di European Energy Research Alliance, ovvero l’accordo di alleanza sottoscritto a Parigi dall’European University Association (EUA) e dai 10 principali istituti europei di ricerca: il CEA francese, lo spagnolo CIEMAT, il greco CRES, l’ECN dei Paesi Bassi, il FZ Jülich della Germania, il portoghese INETI, l’ERC britannico, il VTT finlandese, il Risø DTU National Laboratory for Sustainable Energy della Danimarca e il nostro ENEA. Obiettivo dell’alleanza, che avrà una struttura di governo rappresentata dai 10 enti sottoscrittori, è creare iniziative di ricerca congiunte con cui, mediante la condivisione di competenze, risorse umane e strumentali, venga favorita l’accelerazione tecnologica, obiettivo principale del SET PLAN. Il lancio dell’iniziativa ha ricevuto l’entusiastico benvenuto sia il Commissario Europeo per la Ricerca Janez Potocnik che quello per l’Energia, Andris Piebalgs. Le prime aree tecnologiche che saranno valutate saranno quelle del carbone zero emission e del solare a concentrazione, cui seguiranno nel 2009 le altre tematiche, dal nucleare all’eolico fino ai biocarburanti. EERA sarà aperta a tutti i potenziali attori dei paesi Europei in grado di contribuire con le loro risorse e competenze allo sviluppo della ricerca, con la possibilità di usufruire anche dei finanziamenti provenienti da programmi europei.