• Articolo , 12 gennaio 2010
  • Nasce Green Touch, il consorzio per una rete efficiente

  • Da un’iniziativa di Alcatel-Lucent nasce il consorzio dedicato alla realizzazione di una rete di comunicazione dalle elevate prestazioni e dai consumi ridotti

(Rinnovabili.it) – Trasformare la rete di comunicazione e Internet per consumare fino a mille volte meno energia. E’ questo il compito del “Green Touch”:http://www.greentouch.org/, consorzio globale organizzato da Bell Labs, divisione di Alcatel-Lucent che si occupa del settore ricerca, con l’obiettivo di realizzare le tecnologie necessarie a rendere le reti di comunicazione molto più efficienti con la collaborazione di leader di settore, del mondo accademico e degli istituti di ricerca. Tra le altre società che fanno parte del consorzio ci sono AT&T, China Mobile, Telefonica, Portugal Telecom, Swisscom e Freescale Semiconductor che forniranno le necessarie competenze in materia di microchip, cavi in fibra ottica e altri dispositivi per il risparmio energetico.
Partecipano anche i laboratori di ricerca del Massachusetts Institute of Technology, Stanford e l’università di Melbourne.
“Dobbiamo reinventare tutti gli elementi della rete di comunicazione… La rete di oggi è ottimizzata per la performance, e richiede molta energia per funzionare. La rete di domani avrà alte performance, ma anche un consumo molto inferiore di energia” ha dichiarato Gee Rittenhouse, a capo di Bell Labs e del nuovo consorzio.
Riferendosi alle sfide globali volte alla salvaguardia del Pianeta Steven Chu, Segretario Usa all’Energia, ha ribadito l’importanza della cooperazione tra menti brillanti concentrate sulla problematica climatica globale aggiungendo “L’iniziativa Green Touch potrebbe essere una risposta proprio perché riunisce scienziati e tecnici da tutto il mondo e provenienti dalle più diverse discipline in un contesto di innovazione dedicato ad attaccare il problema ‘clima’ da molte direzioni diverse”. L’iniziativa Green Touch vuole infatti dimostrare come le imprese possano dare il loro contributo nel creare una società a basse emissioni di carbonio.
“Nel corso dei prossimi dieci anni miliardi di persone caricheranno e condivideranno video, immagini e informazioni su reti pubbliche e private come metodo di comunicazione utilizzando sistemi nuovi ed innovativi. Ci aspettiamo, inoltre, che l’utilizzo delle ICT (Information and Communication Technology) per aumentare l’adesione alle reti da parte delle industrie riduca la loro impronta di carbonio. Questo porterà, naturalmente, ad una crescita esponenziale del consumo di energia delle ICT che noi, come l’industria, dobbiamo affrontare. Questo consorzio è unico perché guarda al di là dei miglioramenti di efficienza energetica toccando anche il settore dell’innovazione e unendo competenze provenienti da tutto il mondo nela speranza di scoperte fondamentali volte alla riduzione delle emissioni di carbonio delle ICT” ha infine dichiarato Gee Rittenhouse.
Per sostenere i suoi obiettivi la Green Touch fornirà – entro cinque anni – una serie di referenze e dimostrazioni necessarie alla realizzazione di questi miglioramenti offrendo anche la possibilità di produrre nuove tecnologie e nuovi settori di attività.
La prima riunione del consorzio si svolgerà nel mese di febbraio e sarà dedicata alla creazione del piano di organizzazione quinquennale, in modo da assegnare ruoli e responsabilità ai membri.