• Articolo , 11 febbraio 2009
  • Necessari ammortizzatori per i costi di CO2

  • La BP, con il suo Amministratore Tony Hayard evidenzia la necessità di predisporre incentivi affinché venga facilitata come prima scelta quella delle rinnovabili. Previsti dalla compagnia 500 mln di dollari nel settore dei biocarburanti.

L’Amministratore di BP, Tony Hayward, in occasione del forum sull’energia Cera Week che si sta svolgendo a Houston, in Texas, ha evidenziato come senza far nulla per rendere le nuove tecnologie commercialmente competitive difficilmente il consumatore deciderà di volgere il suo interesse primario verso una fonte di energia rinnovabile. La richiesta avanzata è quindi quella di predisporre dei finanziamenti, degli incentivi, affinché possano funzionare da ammortizzatori per i costi derivanti da una scelta più eco-sostenibile. Lo stesso Tony Hayward, quindi ritiene che “fino a quando saranno i produttori di energia e i consumatori a pagare i costi della CO2, l’incertezza associata alla pianificazione e agli investimenti per il passaggio ad un’economia a basse emissioni inquinanti rimarranno alte”. Ed è anche in quest’ottica che, avvalendosi anche del parere del nuovo Ministro dell’Energia statunitense nonché premio nobel, Steven Chu, che la BP ha annunciato per i prossimi 10 anni un investimento di 500 milioni di dollari nel settore dei biocarburanti. La ricerca quindi vedrà la collaborazione dell’Università della California di Berkeley, del Lawrence Berkeley National Laboratory e dell’Università dell’Illinois. Il forum si chiuderà il 13 febbraio 2009.