• Articolo , 11 luglio 2011
  • Nelle stazioni metro di Phoenix ci si raffresca con il sole

  • Contro il caldo torrido la città più popolosa dell’Arizona sperimenta le fermate dotate di aria condizionata e alimentate da moduli fotovoltaici

(Rinnovabili.it) – Nella città americana di Phoenix le temperature estive possono arrivare senza problemi oltre i 47 gradi centigradi. Per sfruttare gli implacabili raggi solari e alleviare l’attesa di quanti ogni giorno fanno uso della metropolitana leggera di superficie, l’amministrazione cittadina ha deciso di prendere in prestito la felice idea messa in atto a Dubai per un esperimento. Nasce così la prima pensilina a _‘climatizzazione solare’_ della nazione. Lo speciale sistema ha richiesto sei mesi di lavoro, ma nell’aspetto non differisce in alcun modo dalle altre stazioni cittadine ad esclusione dei moduli fotovoltaici istallati sulla tettoia. Alimentato grazie all’energia fotovoltaica, l’impianto può essere attivato dai viaggiatori in attesa in stazione semplicemente premendo un pulsante che per 15 minuti rilascia un getto continuo di aria fredda dalle sue ventole. L’aria viene dal sistema distrettuale di raffreddamento della NRG, la società installatrice, che utilizza l’acqua refrigerata sotterranea per raffreddare gli edifici. Più che soddisfatto dell’operazione il primo cittadino, Phil Gordon, “riteniamo che sia una grande idea. Quanto più siamo in grado di continuare a rendere la nostra metropolitana leggera, ‘friendly’, quanto più la gente la userà negli spostamenti”. Il sistema sarà operativo ogni anno da maggio a settembre dalle otto fino a mezzanotte. Il sindaco sta valutando la possibilità di ampliare il programma ad altre fermate della metropolitana e delle linee di autobus se il sistema darà il successo sperato. A finanziare il tutto saranno le entrate generate con la pubblicità affissa nelle stesse stazioni.