• Articolo , 16 maggio 2011
  • NER 300, i progetti sono nelle mani della BEI

  • Continuano le pratiche per l’assegnazione dei fondi NER 300. Al vaglio della BEI le 78 proposte tra cui si sceglieranno le proposte migliori per la cattura e stoccaggio della CO2 e per la produzione di energia da fonte alternativa

(Rinnovabili.it) – Va avanti l’iter burocratico per l’assegnazione dei contributi economici destinati agli Stati Membri che hanno presentato progetti per lo sviluppo e la diffusione della generazione di energia da fonte rinnovabile e piani per lo stoccaggio e la cattura dell’anidride carbonica. Passate al vaglio della Commissione le 78 proposte _finaliste_, che consistono in progetti a larga scala sono attualmente nelle mani della BEI, la Banca Europea degli Investimenti, nell’ambito del Programma europeo *NER 300*, il più generoso programma al mondo di sostegno a favore delle energie rinnovabili, istituito per la promozione e la diffusione di modalità alternative e a basso impatto ambientale per la produzione di energia.
La presentazione dei “progetti”:http://ec.europa.eu/clima/funding/ner300/docs/projects_perms_en.pdf, scaduta lo scorso 9 maggio, ha visto la partecipazione numerosa degli Stati Membri e attualmente conta 13 progetti CCS e 65 che coinvolgono tecnologie innovative per lo sfruttamento delle fonti energetiche alternative, tra cui verranno scelte le proposte migliori a cui verranno assegnati i finanziamenti.
Alla fine delle valutazioni, grazie al fondo NER 300, verrà supportata la costruzione di 8 progetti di CCS e almeno 34 progetti per le rinnovabili, mettendo a disposizione degli Stati e dei nuovi impianti che rientrano nell’Emissions Trading Scheme la somma di 300 milioni in crediti di carbonio, il tutto entro la seconda metà del 2012.