• Articolo , 12 giugno 2007
  • News Enti Locali dal 05/06/07 al 11/06/07

  • *_ECO-ENERGIA: ENEL, NUOVO IMPIANTO EOLICO NEL PALERMITANO_* _Tratto da Ansa del 11/06/2007_ *Palermo* – Un nuovo impianto eolico in Sicilia e’ stato aperto da Enel: produrra’ 17 megawatt di energia col vento che eviteranno l’immissione in atmosfera di circa 23 mila tonnellate all’anno di anidride carbonica e soddisfaranno il fabbisogno energetico di circa 14 mila […]

*_ECO-ENERGIA: ENEL, NUOVO IMPIANTO EOLICO NEL PALERMITANO_*

_Tratto da Ansa del 11/06/2007_

*Palermo* – Un nuovo impianto eolico in Sicilia e’ stato aperto da Enel: produrra’ 17 megawatt di energia col vento che eviteranno l’immissione in atmosfera di circa 23 mila tonnellate all’anno di anidride carbonica e soddisfaranno il fabbisogno energetico di circa 14 mila famiglie italiane. l’impianto e’ in contrada Colla a Caltavuturo, in provincia di Palermo, ed e’ costituito da 20 aerogeneratori, disposti secondo criteri di inserimento nel paesaggio. La distribuzione degli aerogeneratori e’ stata progettata in modo da ottimizzare la produzione in funzione dei venti prevalenti.

*_CAMERA DI COMMERCIO: ENERGIE RINNOVABILI, SECONDA GIORNATA_*

_Tratto da Sanremonews.it del 11/06/2007_

*San Remo* (Imperia) – La seconda delle Giornate sulle Energie rinnovabili organizzate dalla Camera di Commercio con la collaborazione dell’Osservatorio Meteosismico di Imperia, si svolge mercoledì, dalle 16, presso la Sala Varaldo.
Il seminario entrerà nel merito di quelle che sono le fonti rinnovabili in Liguria con Alessandro Venturin, collaboratore di A.R.E. Liguria; in particolare, sulle tecnologie del solare fotovoltaico parlerà l’ing. Gianluca Novero, consulente dell’Amministrazione Provinciale di Imperia. Non si tralascerà di parlare di sfruttamento dell’energia idrica, ideale soprattutto per i piccoli comuni, con l’ing. Giancarlo Bellosta, direttore Amaie S.p.A. Al termine ci sarà spazio per rispondere ad eventuali chiarimenti e per ricevere una prima consulenza su come usufruire degli incentivi a disposizione delle imprese.
Nella prima Giornata che si è svolta la settimana scorsa, il dott. Nicola Podestà, direttore dell’Osservatorio Meteosismico, ha illustrato, in sintesi, i diversi sistemi di energia alternativa esistenti (solare fotovoltaico, eolico, biomasse, idrica), con le loro peculiarità e la possibilità di essere adottati sul nostro territorio. L’assessore provinciale Giacomo Raineri ha presentato l’ampia attività della Provincia a favore delle energie alternative, per la quale è stato messo a punto un progetto per dotare tutti gli istituti scolastici delle medie superiori di pannelli fotovoltaici. Una volta portato a termine, il piano prevede un risparmio energetico di 252 kw e di 114mila euro, oltre ad una minore produzione di anidride carbonica stimata in 196 tonnellate l’anno.
La dott.ssa Maria Fabianelli, a.d. dell’Agenzia Regionale per l’Energia (A.R.E.) Liguria, ha illustrato la normativa in materia, le modalità di accesso alle nuove tecnologie, le opportunità offerte dalla Finanziaria per gli interventi di riqualificazione energetica su edifici e le interessanti agevolazioni pubbliche per privati ed enti pubblici volte al risparmio energetico attraverso l’uso di fonti rinnovabili, Per favorire queste tipologie di investimenti, è ancora aperto un bando della FILSE, con scadenza il 4 luglio 2007, che offre finanziamenti che possono arrivare fino al 90% dei costi sostenuti per l’impianto. Il testo del bando è scaricabile anche dal sito della Camera di Commercio (www.im.camcom.it).
“L’obiettivo delle due Giornate sull’Energia organizzate dall’Ente Camerale – ha detto il Presidente della Camera di Commercio, Beatrice Parodi – è quello di offrire il proprio contributo al tema delle energie rinnovabili sensibilizzando il sistema economico provinciale. E’ stato interessante conoscere le tecnologie più efficaci per il risparmio energetico sul nostro territorio e, soprattutto, gli incentivi pubblici messi a disposizione dei privati e delle imprese; di quelle imprese che, operando una scelta di investimento, che è contemporaneamente ecologica e di risparmio, scelgono di utilizzarle nelle loro aziende. I costi per adottare tecnologie non inquinanti sono ancora molto alti e le nostre imprese, che hanno una piccola dimensione, incontrano difficoltà ad accedervi. Ritengo, quindi, che conoscere meglio le possibilità di finanziamento esistenti sia uno strumento di conoscenza e valutazione proficuo per le aziende”.

*_SAVONA: CONVEGNO “LA PROVINCIA RINNOVA LE ENERGIE”_*

_Tratto da Savonanews del 11/06/2007_

*Savona* – Questa mattina nell’ambito del convegno “La Provincia di Savona rinnova le Energie”, sarà illustrato il Piano Energetico Ambientale, PEAP, che rappresenta un importante strumento della Provincia di Savona finalizzato alla promozione e alla diffusione delle fonti rinnovabili e del risparmio energetico, in attuazione del Programma Energetico Ambientale Regionale della Liguria.
Il convegno inizierà alle 8 presso il Campus universitario in Via Cadorna (Palazzina Lagorio) in Aula Magna, e si concluderà alle 18.

Il PEAP fornisce il bilancio energetico della Provincia di Savona ed individua le politiche e le azioni prioritarie per la promozione e la diffusione delle energie alternative.
Tra le azioni di intervento dettate dal piano vi sono:
– lo sfruttamento delle fonti rinnovabili: utilizzo della biomassa legnosa, l’istallazione di collettori solari e di pannelli fotovoltaici, la realizzazione di impianti eolici ed idroelettrici.
– la promozione dell’efficienza energetica: introduzione di apparecchiature e tecnologie ad alta efficienza con azioni volte all’applicazione ed al perfezionamento si strumenti normativi quali la certificazione energetica in edilizia ed i regolamenti edilizi comunali.
– diffusione di una corretta cultura energetica: attività di informazione e formazione, con corsi di aggiornamento e formazione professionale, campagne di sensibilizzazione e definizione di accordi volontari.

Su incarico della Provincia, il Piano è stato redatto da IPS S.c.p.a. (Insediamenti Produttivi Savonese) e dall’Agenzia Regionale per l’energia della Liguria, in qualità di struttura tecnica di servizio della Regione nel campo delle politiche energetiche e dello sviluppo sostenibile.

*_TERRANUOVA BRACCIOLINI: INAUGURATO L’IMPIANTO A BIOMASSE ALLA CICOGNA_*

_Tratto da Viaroma100.net del 10/06/2007_

*Terranuova Bracciolini* (Arezzo) – E’ stato inaugurato mercoledì 23 maggio alla presenza del Sindaco Mauro Amerighi l’impianto a cippato realizzato dall’azienda Bioclima di Carlo Bucciarelli.
L’impianto, uno dei primi della Provincia di Arezzo, fornirà calore e acqua calda ad una struttura di ristorazione ubicata in località Cicogna a Terranuova Bracciolini.
Si tratta di un importante esempio di come l’energia alternativa e le fonti rinnovabili possano dare una mano in materia di risparmio energetico e di rispetto ambientale.
L’azienda BIOCLIMA si è impegnata a fornire all’utilizzatore il materiale utile per far funzionare l’impianto a cippato per circa 10 anni. Si prevede un risparmio energetico pari al 10 %.
Un dato che dovrebbe essere da stimolo per le piccole e medie aziende ad investire in innovazione energetica guardando così più attentamente al futuro.
Un impianto con le stesse caratteristiche lo possiamo trovare anche nel Comune di Loro Ciuffenna: in questo caso la struttura riscalda l’Istituto Comprensivo e le abitazioni limitrofe.
Per Terranuova Bracciolini, che sta portando avanti progetti di innovazione tecnologica, come il progetto della centrale termica a Biomassa che interessa il nuovo impianto del Palazzotto dello Sport e la rete di teleriscaldamento di tutti gli edifici scolastici, mense, palestre e Palageo del Capolouogo, già trasmesso in Regione dalla Centro Pluriservizi SpA, rappresenta un ottimo viatico per invogliare i privati ad investire nel settore delle energie alternative. Investire oggi in energia alternativa vuol dire investire in salute e rendere migliore il mondo in cui viviamo: meno inquinato e più salubre.

*_DAI TETTI INPS ARRIVA L’ ENERGIA PULITA_*

_Tratto da PrimaDaNoi.it del 09/06/2007_

*Regione Abruzzo* – Sette impianti di fotovoltaico sui tetti dei sette stabili Inps della regione Abruzzo (L’Aquila Direzione regionale, L’Aquila Sede provinciale, Sedi provinciali di Chieti, Pescara, Teramo e Sedi
Sub- provinciali di Sulmona e Avezzano)
Il numeri del progetto prevedono un investimento complessivo di 1.800.000,00 Euro interamente finanziato dall’Istituto, una produzione annua di energia elettrica stimata in 359.000 Kwh, un risparmio annuo di circa il 20% dell’energia consumata con una riduzione del costo delle bollette ENEL di 55.000,00 Euro all’anno. L’incentivazione prevista da parte di Gestione Servizi Elettrici è pari a 0,46 Euro per ogni KWH di energia elettrica prodotta per la durata di 20 anni, con un rientro di 165.000,00 Euro all’anno e il tempo di recupero dell’investimento è stimata in 8 anni.
L’avvio della gara di appalto per i pannelli fotovoltaici, inizierà con l’apertura delle buste fissata per il prossimo 3 luglio 2007 e il completamento degli impianti in tutte le 7 sedi è previsto entro il 31 dicembre con entrata in produzione degli impianti entro il 31 marzo 2008.
La realizzazione dell’opera, secondo le prime stime, consentirà una riduzione di 220.000 kg all’anno dell’emissione ad effetto serra nell’atmosfera di anidride carbonica, che equivale ad aver arricchito il territorio abruzzese di una foresta composta da 22.000 alberi.
«Per il rilascio delle autorizzazioni urbanistiche, vi è stata una fattiva collaborazione da parte di tutti i 6 Comuni interessati», spiegano gli ideatori, «nonché della Soprintendenza regionale dei Beni Architettonici e Paesaggistici».

*_ECO-ENERGIA: PAPAGNI, ESEMPIO GIUNGA DA ENTI PUBBLICI_*

_Tratto da Ansa Valle D’Aosta del 09/06/2007_

*Regione Valle D’Aosta* – Devono essere la Regione, gli enti pubblici e in più generale le pubbliche amministrazioni “a dare il buon esempio costruendo o ristrutturando i propri impianti favorendo l’installazione e l’utilizzo di energie alternative ed eco-compatibili”. Ne è convinto Demetrio Papagni, membro della giunta della Camera di Commercio della Valle d’Aosta, intervenendo al workshop organizzato nell’ambito di ‘Rigenergia’, la mostra-convegno sulle energie promossa dalla Camera di Commercio della Valle d’Aosta in collaborazione con la Regione, l’Istituto per il commercio estero (Ice), il Comune di Aosta e la Compagnia Valdostana Acque (Cva).

Secondo Papagni, infatti, “il limite di una rapida espansione dell’utilizzo di fonti rinnovabili sta proprio nella debolezza degli anelli che formano la filiera dell’energia e del risparmio energetico in Italia”. Il rappresentante della Camera di Commercio ha osservato a tal proposito, che da una parte i professionisti sono ancora “in una fase di formazione di base, se si eccettuano alcune eccezioni”, dall’altra gli impiantisti e gli installatori trovano “difficoltà a ‘piazzare’ impianti alternativi perché gli stessi committenti sono ancora dubbiosi sulla loro validità”.

Altro deterrente ad un “rapido sviluppo delle eco-energie”, secondo Papagni, è l’aspetto economico, in quanto i costi sono ancora elevati ed il loro ammortamento avviene solo nel lungo termine; ma oltre a questo “a mettere i bastoni tra le ruote alla diffusione delle energie rinnovabili sono i piani regolatori che pongono limiti urbanistici”. E proprio per questo Demetrio Papagni ha auspicato “una decisa presa di coscienza dei legislatori e delle pubbliche amministrazioni perché diano la spinta per far decollare definitivamente il risparmio energetico in tutte le sue sfaccettature”.

*_“BRINDISI-TARANTO, ASSE DEL MALE” LA SVOLTA È L’ENERGIA RINNOVABILE_*

_Tratto da Il Meridiano del 09/06/2007_

*Brindisi* – “Brindisi-Taranto, asse del male – territori malati e popolazione a rischio” è il tema dell’incontro-dibattito previsto per martedì 12 giugno, alle 18, nel salone “Mario Marino Guadalupi” di Palazzo di Città.
L’iniziativa, organizzata da Medicina Democratica, movimento di lotta per la salute, è patrocinata dall’Amministrazione comunale e provinciale di Brindisi. Dopo il saluto di Domenico Mennitti, sindaco di Brindisi, sono previsti gli interventi di: Giorgio Assennato, direttore generale ARPA Puglia; Cristina Mangia, ricercatrice Isac-Cnr; Alessandro Marescotti responsabile nazionale PeaceLink; Emilio Gianicolo, ricercatore Ifc-Cnr; Angelo Semerano, ingegnere ambientale e del territorio; Stefano Palmisano, avvocato penalista. Modererà Maurizio Portaluri, direttore generale Asl Bat.
Le tematiche ambientali in relazione al loro impatto sulla salute verranno trattate dal punto di vista scientifico e nell’ipotesi di approntare strategie di intervento e misure alternative. Da più di dieci anni dati incontrovertibili documentano l’aumentata incidenza di malattie anche tumorali di origine ambientale e lavorativa nelle città capoluogo di Brindisi e Taranto, città inserite in aree definite ad alto rischio di crisi ambientale. Più di recente, anche per la provincia di Lecce sono stati riscontrati dati di mortalità in eccesso rispetto a quanto atteso a livello regionale. Tale dato completa, per tutto il Salento, un quadro di eccesso di mortalità attribuibile all’inquinamento ambientale di prevalente origine industriale. Di fronte a queste evidenze non si può più rinviare l’assunzione di decisioni che sono essenzialmente di politica economica.
I controlli e le misure di contenimento ambientali, sanitari, epidemiologici sono necessari ma non risolvono il problema. È tempo ormai di intervenire su ciò che si produce e non solo su come si produce. Se si vuole che Brindisi e Taranto conservino il primato nel settore energetico, questo deve svilupparsi nella direzione delle energie rinnovabili e delle tecnologie per il riuso dei materiali. Brindisi ha già avviato una positiva esperienza nella raccolta differenziata. Un’esperienza che dovrebbe estesa ad altre varietà merceologiche.

Proprio per l’elevato tributo di vite e di salute pagato alle produzioni energetiche, chimiche e metallurgiche, il Salento potrebbe diventare un’area di studio e di applicazione di tecnologie per il risparmio energetico; non solo, ma anche per la progettazione e l’utilizzo di sistemi per la produzione di energie da fonti rinnovabili.
È necessario però, che lo studio delle condizioni ambientali e sanitarie correlate con le attività industriali realizzate nei decenni scorsi prosegua con profusione di mezzi e risorse. È necessario, inoltre, evitare tentazioni dilatorie nell’assunzione di decisioni politiche e sostenere il giusto diritto al risarcimento del danno causato alle popolazioni e ai cittadini.
Nel corso dell’incontro sarà possibile ammirare una mostra fotografica allestita da Nico Barile.

*_A SIRACUSA SPEKLON, SPECCHI DEL SOLE_*

_Tratto da Ansa del 08/06/2007_

*Roma* – Dal 16 giugno al 15 luglio prendera’ il via la seconda edizione di Speklon 2007: “Gli specchi e il Sole, da Archimede al terzo millennio”, manifestazione nata come omaggio della citta’ al suo illustre figlio Archimede. Mostre e dibattiti in un cartellone allestito con il Conases, Comitato nazionale “La storia dell’energia solare” con il patrocinio dell’Unesco, Regione Siciliana, Assessorato ai Beni culturali e Ambientali, Soprintendenza ai Beni Culturali di Siracusa. La citta’ siciliana aprira’ il programma delle “100 manifestazioni in 100 centri in tutta Italia”. Quattro mostre, altrettante tavole rotonde, un centinaio di immagini esposte, tre documentari, lo spettacolo ”Son et lumie’re” al Porto Grande per rievocare la luce che difese Siracusa, l’equipe del Walters Museum di Baltimora. L’iniziativa quest’anno e’ incentrata sul tema dell’energia solare analizzata nei suoi impieghi attuali con uno sguardo alle intuizioni del grande matematico, intuizioni messe a confronto con gli ”specchi” del terzo millennio, i moderni concentratori solari per produzione di calore a medie e alte temperature, elettricita’ e combustibili. Dal 16 giugno al 15 luglio 2007, prestigiosi spazi messi a disposizione dalle istituzioni cittadine ospiteranno appuntamenti organizzati dall’associazione culturale Lo Specchio di Archimede in collaborazione con il Conases, Comitato nazionale ”la Storia dell’Energia Solare”, istituito nel 2006 dal Ministero per i Beni e le attivita’ culturali, che ha scelto proprio Siracusa per avviare il programma ”100 manifestazioni per 100 centri in tutta Italia”, iniziativa a carattere divulgativo che si propone di mostrare come si utilizzava l’energia solare in passato e come sara’ possibile impiegarla in futuro, grazie allo sviluppo della tecnologia. Il 1 luglio il Porto Grande ospitera’, alle 21,30, lo spettacolo di Son et lumie’re. Durante la serata sara’ proiettato il video dell’esperimento realizzato dal Mit, Massachussets Institute of Technology di Boston, che hanno riprodotti gli specchi ustori progettati da Archimede per difendere la citta’ dall’assedio delle navi romane. Sabato 14 luglio, l’esclusiva nazionale con l’equipe che, al Walters Museum di Baltimora, sta restaurando e traducendo il piu’ antico e prezioso palinsesto di Archimede. Domenica 15 luglio, alla Latomia dei Cappuccini, alle 21, serata finale con consegna del premio “Uno Specchio per”, assegnato a un personaggio che si sia distinto nella ricerca scientifica o medica, nella matematica, nella fisica o nella ricerca tecnologica.

*_ENERGIE RINNOVABILI, LA PUGLIA È LEADER_*

_Tratto da Greenplanet.net del 08/06/2007_

Il Sud “vale” poco più di un quarto del business dell’energia elettrica da fonti rinnovabili. Ma la sua quota potrebbe crescere: sono previsti molti investimenti, che sfrutteranno sole e vento tipici dell’area.
Nel 2005 (ultimo anno censito dal Gestore dei servizi elettrici) il Sud ha venduto allarete nazionale 1.271,1 gigawattora prodotti da fonti rinnovabili, il 26,5% del totale. Il tutto secondo l’articolo 13 del Dlgs 79/99, che consente ai privati di vendere elettricità al Gse. Il Sud “vende” il 23% dell’energia che produce da fonti rinnovabili (che in tutto ammonta a 5.503,5 gigawattora l’anno), contro una media nazionale del 9,6%.
La leadership delle vendite spetta alla Puglia, che mette sul mercato 455,9 gigawattora l’anno ( il 9,5% del totale nazionale) puntando soprattutto sull’eolico. Segue la Calabria, con 403,1 gigawattora (8,4%), secondo il Gse frutto degli impianti a biomasse. Ancora sull’eolico punta la Campania, terza ma staccata, 291,8 gigawattora l’anno (6,1%). La Basilicata, con 88,9 gigawattora (1,8%) è quarta; chiude la Sicilia, con appena 31,4 gigawattora (0,7%).

Le performance del Sud e, in particolare, dell’isola dovrebbero migliorare nel prossimo futuro: Endesa, operatore spagnolo del settore energetico, con un investimento di 400 milioni lancerà nuovi parchi eolici in Sicilia, Campania e Basilicata per una potenza complessiva di 400 megawatt. La produzione da biomasse continua a essere un punto fermo per la Calabria. Nel Reggino, per esempio,la Ets di Foggia in partnership con 18 Comuni ha lanciato un investimento di 78,4 milioni per costruire quattro centrali; gli impianti avranno ciascuno una potenza di 6 megawatt per complessivi 24 megawatt. Le biomasse proverranno dai 18 comuni firmatari della convenzione. Costeranno invece 11 milioni i quattro impianti a biogas che la campana Cobime in collaborazione con la tedesca Schmack realizzerà in provincia di Avellino.

Anche gli Enti pubblici si avviano a produrre e rivendere elettricità, sulla scia di quanto previsto dal Conto energia inserito nella Finanziaria 2007. Il Comune di Napoli, per esempio, sta facendo istallare impianti fotovoltaici nei parchi cittadini di proprietà, con la possibilità di cedere l’energia in surplus. Parallelamente, si stanno sensibilizzando i privati cittadini: con il bilancio dell’anno scorso, il Comune ha offerto 150mila euro di contributi a chi puntava sul solare, consentendo l’installazione di circa 100 impianti per un totale di 300 metri quadri di pannelli. Per quest’anno la dote sarà di 100mila euro,cui si sommeranno 20mila residui della precedente tranche.

*_ECO-ENERGIA: A SCALEA IL SOLARE ALIMENTERÀ EDIFICI PUBBLICI_*

_Tratto da Gazzettadelsud.it del 08/06/2007_

*Scalea* (Cosenza) – A Scalea, comune del Cosentino di undicimila abitati, nascera’ un parco fotovoltaico che occupera’ tutte le aree e gli edifici pubblici. Stamani e’ stata sottoscritta la convenzione tra il Comune e la societa’ Energie Rinnovabili che si occupera’ della realizzazione del parco energetico. L’energia prodotta dagli impianti verra’ distribuita in rete e servira’ ad alimentare, tutte le utenze pubbliche attive del Comune.

*_NUOVO PROTOCOLLO PER LO SVILUPPO DEL PROGETTO AVVIATO ALLA FINE DELLO SCORSO ANNO_*

_Tratto da Arezzoweb.it del 07/06/2007_

*Arezzo* – Arezzo scommette sull’idrogeno. Enti locali, aziende di servizi, imprese. Una conferma è venuta dalla firma, questa mattina in palazzo comunale, del nuovo protocollo che integra quello firmato nei mesi scorsi e che delinea il piano di sviluppo dell’iniziativa.
Le firme sono state degli assessori di Comune e Provincia, Ilario Nocentini ed Andrea Cutini; del Presidente di Coingas, Alberto Ciolfi; del Presidente della Fabbrica del Sole, Emiliano Cecchini; di Romano Bernardini di Sapio e Angelo D’Anzi di Arcotronics.
Il progetto infatti era nato su iniziativa della Fabbrica del Sole assieme a Sapio, Arcotronics – Fuel Cells ed ENEA ed e’ stato recepito e integrato da Coingas, Regione Toscana, Provincia di Arezzo, Comune di Arezzo, Associazione Industriali, CNA e Confartigianato.
La prima fase di attuazione del progetto ha consentito la realizzazione di un idrogenodotto sotterraneo nell’area industriale di San Zeno e la generazione distribuita di energia a partire dall’idrogeno erogato alle aziende. E’ stata quindi data una risposta, in modo particolare, alle imprese orafe che utilizzano ormai da decenni idrogeno in grande quantità.
Quella realizzata è la prima urbanizzazione a idrogeno d’Europa ed è comprensiva di un centro di stoccaggio, di cogeneratori a idrogeno installati presso le aziende, servizi ed altre strutture di supporto tra le quali anche il laboratorio dimostrativo HydroLAb.
Il Protocollo firmato stamani delinea un nuovo Piano di Sviluppo che mira ad integrare queste soluzioni innovative con la valorizzazione del patrimonio ambientale toscano, a produrre idrogeno “verde” e ad estenderne l’uso dell’idrogeno al settore dei trasporti puliti. Quest’ultimo soprattutto nei centri storici con una particolare attenzione al turismo “debole” cioè a tutti i soggetti diversamente abili e a quel turismo della terza età, sempre più importante nella nostra società che potrebbe avere bisogno di aiuto motorio sicuro, silenzioso e innovativo.
“Arezzo si pone come laboratorio di queste esperienze – commenta l’assessore all’innovazione tecnologica del Comune di Arezzo, Ilario Nocentini. In modo particolare puntiamo sull’idrogeno “verde”, prodotto cioè da fonti rinnovabili”. “Di idrogeno di parla spesso e da molte parti – ha aggiunto l’assessore provinciale all’ambiente, Andrea Cutini. Ma qui abbiamo realizzato esperienze concrete ed ottenuto risultati importanti. Adesso abbiamo in corso anche contatti con le Province di Grosseto e Siena”.
Emiliano Cecchini ha sottolineato le ulteriori prospettive di questo progetto al quale hanno dato convinta adesione il Presidente di Coingas, Ciolfi; il vice Presidente dell’Associazione Industriali Fabianelli ed il Direttore di Cna, Ginepri.

*_SI APRE OGGI IL CONVEGNO “PROGETTARE PER L’AMBIENTE”_*

_Tratto da Arcobaleno.br.it del 07/06/2007_

*San Vito dei Normanni* (Brindisi) – L’amministrazione comunale di San Vito dei Normanni, con il patrocinio della regione Puglia, della provincia di Brindisi, dell’ordine degli architetti pianificatori paesaggisti conservatori, dell’ordine degli ingegneri, del collegio dei geometri della provincia di Brindisi, con il coordinamento scientifico dell’arch. Danila Longo del dipartimento di architettura e pianificazione territoriale dell’università di Bologna, facoltà di architettura “Aldo Rossi” di Cesena, ha organizzato per le giornate del 7 e 8 giugno 2007 il convegno “Progettare per l’ambiente. Politiche di tutela delle risorse e architetture a basso consumo energetico”.
L’evento, che si terrà nei locali dell’ex convento dei domenicani in via Mazzini 4 di San Vito dei Normanni, affronta i temi della sostenibilità ambientale degli interventi antropici sul territorio con l’intento di diffondere e promuovere le conoscenze nel settore. in particolare grazie alla presenza di rappresentanti politici si farà il punto della situazione sugli sviluppi normativi nell’ambito delle politiche energetiche, sottolineando l’importante necessità di promuovere la sensibilità ambientale nell’approccio alla progettazione di edifici e infrastrutture.
La presenza di esponenti di associazioni di categorie ed enti di ricerca, nonché di professori e ricercatori universitari impegnati in studi di progettazione ambientale e di impiantistica a basso consumo energetico contribuirà alla divulgazione dei risultati delle ricerche più innovative, proponendo soluzioni architettoniche ecoefficienti congruenti con il conseguimento di obiettivi generali di qualità dell’ambiente costruito. Il trasferimento su un piano operativo delle esperienze e delle conoscenze di settore possono fornire risposte concrete agli attuali interessi anche delle pubbliche amministrazioni.
I contenuti si concentrano più specificamente sulla progettazione a basso consumo energetico, sulle politiche finalizzate al miglioramento energetico e ambientale, sul quadro normativo e recepimento della direttiva 2002/91/ce relativa al rendimento energetico nell’edilizia e d.l. n°192 e successive modifiche e integrazioni, sulla certificazione energetica, sull’applicazione di fonti rinnovabili di energia e sulle possibilità di razionalizzazione dei consumi energetici con conseguente tutela delle risorse naturali attraverso l’innovazione del processo tecnico-costruttivo e manutentivo dell’esistente, sui sistemi di valutazione e certificazione della sostenibilità ambientale degli edifici, sull’importanza di progettare in relazione al clima.
Il convegno si articola in due mezze giornate (il 7 giugno con inizio alle ore 16:30 e l’8 giugno con inizio alle ore 9:00) con finalità introduttive al tema e approfondimenti specifici dai contenuti progettuali e tecnologici. si rilascerà un attestato di partecipazione la mostra contestuale al convegno prevede l’esposizione di progetti di architettura bioecologica, in cui sono applicate tecnologie prevalentemente a secco e soluzioni a basso consumo energetico. L’inaugurazione è fissata per le ore 16:00 del 7 giugno 2007. L’esposizione osserverà i seguenti orari: 9:00-12:00; 15:00-18:00 e si chiuderà il giorno 27 giugno 2007.

*_«CASACLIMA», IL FUTURO SBARCA IN COMELICO_*

_Tratto da Espresso.Repubblica.It del 07/06/2007_

*Comelico Superiore* (Bolzano) – La CasaClima arriva in Comelico, a Padola. Si è aperto infatti il primo cantiere che darà vita a un edificio concepito secondo criteri di perfetto isolamento dalle perdite di calore, con capacità di risparmio ed anche la possibilità di produrre energia. Come noto, in provincia di Bolzano (ossia ad appena 10 km da dove la prima Casaclima del Comelico è in costruzione), questo progetto viene abbondantemente finanziato, visto che è obbligatorio per tutte le nuove costruzioni certificarsi. Al momento solo l’agenzia Aria e Rumore della provincia di Bolzano è abilitata a rilasciare questa certificazione CasaClima in linea con le direttive europee. Una curiosità: il test viene fatto aumentando la pressione all’interno della casa per verificare le perdite; se la casa non perde, allora significa che l’isolamento è perfettamente funzionate e quindi riceverà l’attestato. Va sottolineato che, nel caso di Padola, i maggiori costi dovuti al progetto sono invece interamente sostenuti dal privato che sta costruendo l’edificio. Questi maggiori costi possono essere quantificati intorno al 25%/30%. Ossia, senza i contributi pubblici che altri danno a fondo perduto, il costo viene ammortizzato più o meno in una decina d’anni; cosa che rappresenta comunque un ostacolo importante allo sviluppo. Gli esperti che stanno realizzando la casa di Padola spiegano che il concetto base di questa filosofia è «comfort abitativo a basso costo energetico. Le difficoltà di approvvigionamento, i prezzi record, la crisi economica e le guerre dimostrano che il petrolio influisce su quasi tutti i settori della vita moderna, minando così il benessere di ogni uno di noi e della società nel suo insieme. L’obbiettivo principale è costruire riducendo le perdite di calore dell’edificio grazie ad un buon isolamento termico. L’utilizzo passivo dell’energia solare ed un’efficiente impiantistica ottimizzano ulteriormente il risparmio energetico. CasaClima non definisce pertanto uno stile architettonico o un particolare tipo di costruzione, bensì la categoria energetica dell’edificio». Per completare, inoltre, il progetto clima, l’edificio (che fa parte di un mini complesso residenziale sempre della medesima proprietà, costituito da ulteriori 4 fabbricati), sarà anche dotato di una caldaia a cippato (macinato di legna) e dunque di un piccolo “teleriscaldamento” che permetterà di riscaldare, oltre che fornire il fabbisogno giornaliero complessivo di acqua calda sanitaria, tutti i 5 fabbricati con soli 30metri cubi di legna all’anno. Il fabbricato sarà realizzato da una famiglia locale, che già da anni lavora nell’ambito turistico; la costruzione sarà poi adibita in parte anche ad alloggi da affittare nei mesi turistici. Per finire, «è importante ricordare che questo concetto non riguarda solo le nuove costruzioni, ma anche la ristrutturazione sostenibile di vecchi immobili, con l’obiettivo di garantire comfort abitativo e qualità della vita senza danneggiare l’ambiente e le risorse».

*_BARI – CASA, IMPRESA, ENERGIA E SVILUPPO SOSTENIBILE_*

_Tratto da Puglialive.net del 07/06/2007_

*Bari* – La tutela dell’ambiente, a cominciare da un più oculato utilizzo e consumo delle risorse energetiche, non può più prescindere da una politica mirata allo sviluppo delle fonti rinnovabili.
L’attenzione alle criticità dei problemi energetici deve partire dai luoghi del quotidiano: dalla casa all’impresa.
L’impostazione del Piano Energetico Regionale della Puglia è in assoluto un modello sia a livello nazionale che europeo: una scelta coraggiosa e lungimirante delle istituzioni in una regione che produce il doppio di quello che consuma.
Di fonti rinnovabili e di applicazione di sistemi ecocompatibili e delle agevolazioni previste dalla Regione Puglia si parlerà nel convegno “CASA, IMPRESA, ENERGIA E SVILUPPO SOSTENIBILE” che si terrà a Bari venerdì 8 giugno 2007, alle 18.00, nel Salone degli Specchi del Palace Hotel.
L’iniziativa è promossa dall’ U.S.P. (Università per lo Sviluppo e per la Pace) e dal Gruppo Consiliare Idv alla Regione Puglia.
Presiederà e introdurrà i lavori: Umberto Salinas presidente U.S.P. (Università per lo Sviluppo e per la Pace). Relatori: Angela Barbanente assessore all’Urbanistica della Regione Puglia, Giammaria Gasperi redattore del piano energetico regionale, Nicola De Bartolomeo presidente di Confindustria Puglia e Erasmo Antro presidente API Bari
La conclusione sarà affidata a Vito Bonasora presidente del Gruppo Consiliare di Italia dei valori alla Regione Puglia.

*_ACCENDI IL SOLE: IL COMUNE ATTIVA UNO SPORTELLO INFORMAZIONI SUL CONTO ENERGIA_*

_Tratto da Anguillarainforma.it del 07/06/2007_

*Anguillara* (Roma) – Si chiama “Accendi il Sole” il servizio attivato dal Comune di Anguillara per dare informazioni sulle installazioni di pannelli fotovoltaici e produzione di energia elettrica. Si tratta in pratica di uno sportello attivo tutti i lunedì dalle 10 alle 12 presso l’Ufficio comunale Ambiente e Sviluppo Sostenibili in via Didomenico 12/b. Il servizio, operante già da qualche settimana, è curato dall’architetto Roberto Rondini (339/5880050). Si potranno ottenere tutte i dettagli del cosiddetto “conto energia”, le modalità per diventare produttori dell’energia da autoconsumare e dei finanziamenti bancari concessi anche da alcuni istituti di credito operanti ad Anguillara.

COSA E’ IL CONTO ENERGIA?
E’ una forma di finanziamento, a fondo perduto, e di investimento, che dura 20 anni. E’ un finanziamento, solo che non viene rimborsata una parte della somma spesa a presentazione fattura, ma viene rimborsata l’intera somma man mano che consumiamo l’energia elettrica che produciamo; questa prima fase dura circa 10 anni. E’ un investimento perché, passati i 10 anni, tutto quello che produciamo e consumiamo, nei restanti 10 anni, ci viene ben pagato, secondo le tariffe incentivanti riportate nelle tabelle che vedremo dopo

COME FUNZIONA IL CONTO ENERGIA?
In questo depliant sono trattati solo gli impianti che più interessano il nostro territorio e cioè quelli da 1 a 20 kW.
1 – Si inoltra al gestore di rete (nel caso di Anguillara, all’Enel) il progetto preliminare e la richiesta di connessione alla rete (la corrente prodotta non viene accumulata, ma ceduta al gestore della rete e ripresa quando serve). Si dichiara inoltre se ci si vuole avvalere o meno del servizio di scambio sul posto (conveniente sopratutto nel caso di impianti domestici. Infatti è più comodo produrre meno corrente di quella necessaria e comprare la restante, piuttosto che produrne di più e rivendere quella in eccedenza).
2 – Si realizza l’impianto.
3 – Si invia al GSE, che risponderà entro 60 giorni, la documentazione di entrata in esercizio e la richiesta di concessione della tariffa incentivante. A questo punto sei diventato produttore della tua energia elettrica!!!

LE TARIFFE INCENTIVANTI
Potenza impianto Impianti non integrati Impianti parzialmente integrati Impianti integrati
Da 1 a 3 kW 0,40 €/kWh 0,44 €/kWh 0,49 €/kWh
Da 3 a 20 kW 0,38 €/kWh 0,42 €/kWh 0,46 €/kWh
Gli impianti non integrati sono essenzialmente quelli posti a terra.
Gli impianti parzialmente integrati sono essenzialmente quelli appoggiati su tetti o facciate senza sostituire i materiali su cui sono poggiati. Gli impianti integrati sono essenzialmente quelli che sostituiscono i materiali di rivestimento di tetti o facciate.
A quanto sopra bisogna aggiungere (per gli impianti domestici) il risparmio di circa 0,18 €/kWh dovuto all’autoconsumo dell’energia prodotta. Le tariffe incentivanti rimarranno in vigore sino al 31 dicembre 2008, dopo di che diminuiranno del 2% ogni anno, restando comunque fisse per 20 anni.

LE MAGGIORAZIONI DEL 5% PREVISTE.
Impianti integrati di aziende agricole.
Impianti integrati che sostituiscono coperture in eternit.
Impianti superiori a 3 kW che consumano almeno il 70% della propria produzione

Il FINANZIAMENTO BANCARIO

Esistono degli appositi finanziamenti, rivolti al “Conto Energia”, previsti da alcune banche presenti ad Anguillara

*_CERVETERI. ENERGIE RINNOVABILI A CONVEGNO_*

_Tratto da Centumcellae.it del 07/06/2007_

*Cerveteri* (Roma) – Sabato 16 Giugno alle ore 17.30 presso la Biblioteca Comunale di Cerveteri, è in programma un convegno riguardante lo sviluppo delle fonti rinnovabili ed il recupero ambientale del nostro ecosistema, con lo scopo di affrontare uno dei più grandi problemi del nostro tempo.
Gli esperti di tutto il mondo, infatti, indicano che è in corso un sostanziale cambiamento climatico a livello globale. La preoccupazione degli scienziati e dei Governi aderenti al protocollo di Kyoto indica che si dovrà ristabilire un equilibrio concreto tra l’ambiente e gli indici di consumo energetico. Tutti i processi produttivi, industriali e di trasformazione attinenti alle materie prime, ed in particolare i combustibili fossili, dovranno essere riconsiderati, al fine di diminuire l’emissione di anidride carbonica nell’atmosfera.
“Le attuali tecnologie a disposizione – spiega Roberto Giardina, portavoce dei Verdi Cerveteri – ci consentono di accedere a fonti energetiche inesauribili, asservibili per il nostro fabbisogno quotidiano, quali: l’energia solare, eolica, geotermica, le biomasse; tutto ciò dovrà essere preso in seria considerazione, perché sono processi riconosciuti ‘rinnovabili’ e non inquinanti l’atmosfera.
La legislatura italiana, in tal senso, è stata fortemente rivoluzionata negli ultimi mesi, rendendo più funzionale ed accessibile la precedente legge: infatti, è stata indicata come prioritaria la diffusione di fonti di approvvigionamento energetico rinnovabili, ponendo forti incentivi per la costruzione di impianti d’energia alternativa, in particolare fotovoltaici, sia a livello personale che comunitario. Tutto ciò ci stimola a portare l’informazione tecnica-politica e ad aprire un dibattito pubblico con i cittadini, le associazioni, le forze produttive e, soprattutto, l’amministrazione locale, affinché si possa discutere seriamente il problema e prendere i dovuti provvedimenti a riguardo”.
“Noi Verdi di Cerveteri – prosegue Giardina – ci stiamo fortemente adoperando per comunicare in modo chiaro e portare l’informazione necessaria affinché questo processo innovativo, alla portata di tutti, possa diffondersi fra la cittadinanza. Siamo sicuri che la consapevolezza dell’esistenza di una volontà politica che agevola un comportamento eco-sostenibile ed un approvvigionamento energetico a basso impatto sull’ambiente, offrendo al contempo forti incentivi economici, porrà la tematica in una posizione di ascolto rilevante”.
Al convegno interverrano ospiti di riguardo ed esperti del settore: Angelo Bonelli, Capogruppo dei Verdi alla Camera dei Deputati, il Consigliere Regionale Enrico Fontana, l’ing. Giuseppe Girardi, ricercatore presso l’Enea ed Assessore all’Ambiente del Comune di Anguillara, l’ing. Angelo Moreno, ricercatore presso l’Enea. Gli invitati, dopo le rispettive relazioni politiche e tecniche, apriranno un dibattito pubblico sulla materia in questione, perciò vi aspettiamo numerosi.
Per informazioni e per la conferma dell’adesione scrivere a verdicerveteri@email.it oppure telefonare al n° 338 6643647”.

*_ECO-ENERGIA: IMOLA; OK A PIANO IMPIANTI FOTOVOLTAICI SCUOLE_*

_Tratto da Ansa del 06/06/2007_

*Imola* (Bologna) – Varato a Imola un piano di 18 progetti per l’installazione di impianti fotovoltaici nelle strutture scolastiche. La potenza installata sara’ di 300 kw, con una spesa di un milione e 600 mila euro finanziati in gran parte dal Con.Ami e con una quota anche dalla Regione. E’ questo il primo passo, illustrato oggi in un convegno, di un piano d’azione proiettato sul risparmio energetico, l’ approvvigionamento e l’utilizzo di fonti rinnovabili.

*_AMBIENTE ED ENERGIA:CGIL, UNA RIVOLUZIONE ENERGETICA PER LA SICILIA_*

_Tratto da 7magazine.it del 05/06/2007_

*Palermo* – “Promuovere in Sicilia una rivoluzione energetica all’insegna della sostenibilita’ ambientale, che faccia da volano a un nuovo modello di sviluppo economico e sociale”: e’ l’idea che lancia la Cgil siciliana alla vigilia della Giornata mondiale per l’ambiente dell’Onu, che si celebra il 5 giugno. Per la Cgil, la Sicilia potrebbe anzi divenire capofila in tutta l’area euro Mediterranea di nuove politiche dell’energia che perseguano rigorosamente gli obiettivi di abbattimento delle emissioni inquinanti che l’Europa si e’ data e che siano occasione di sviluppo. Per riflettere su questi temi il sindacato ha organizzato per domani un convegno, presieduto da Enza Albini, della segreteria regionale Cgil, coinvolgendo tecnici, rappresentanti del mondo scientifico e ambientalista, docenti universitari, ricercatori, imprenditori ed esponenti delle istituzioni. Al S.Paolo Palace , a partire dalle 10, si aprira’ una discussione in piu’ sessioni sui temi del cambiamento climatico e dello sviluppo sostenibile, del piano energetico regionale e ambientale e del mercato dell’energia, e a conclusione si svolgera’ una tavola rotonda con la partecipazione dell’assessore regionale all’industria, Giovanna Candura, del presidente di Confindustria Sicilia, Ivanhoe Lo Bello, di Italo Tripi, segretario della Cgil siciliana, di Nicoletta Rocchi, della segreteria nazionale Cgil. In programma, dopo la relazione di Alfio La Rosa, del dipartimento politiche energetiche della Cgil siciliana, gli interventi di Vincenzo Ferrara (direttore Enea), Ernesto Burgio (vice persidente Isde), Franco Andaloro (responsabile Icram Palermo), Anna Giordano (Ufficio biodiversita’ Wwf), Giuseppe Onufrio (direttore delle campagne Greenpeace), Giorgio Beccali (Universita’ di Palermo), Marco Ferraro (Itae Cnr Messina), Teresa Cannarozzo (Univesita’ Palermo), Maria Luisa Germana’ (Universita’ Palermo), Rosario Lanzafame (Universita’ Catania, Giovanni Valtorta, Enel Divisione infrastrutture e Reti), Alessio Borriello(responsabile relazioni istituzionali dell’autorita’ per l’energia e il gas), Gerardo Montanino (gestore servizi elettrici), Emilio Minghetti (Acquirente unico), Gianni Vittorio Armani (Terna), Giovanni Russo (Snam Rete Gas), Vittorio Vagliasindi (Enel), Salvatore Moncada (Moncada costruzioni), Stefano Pastori (Edipower), Maurizio Mazzotti (Enel), Giuseppe Ricci (Ad raffineria Gela).

*_CAMBIAMENTI CLIMATICI E FONTI RINNOVABILI: SE NE PARLA IN UN CONVEGNO_*

_Tratto da PrimaDaNoi.it del 05/06/2007_

*Lettomanoppello* (Pescara) – “Cambiamenti climatici e sviluppo delle fonti energetiche rinnovabili”. Questi i temi del convegno che si terrà venerdì prossimo, 8 giugno, alle 18.30, nella sala consiliare del Comune di Lettomanoppello. L’incontro, aperto al pubblico, è organizzato dall’associazione ambientalista “La Ghiandaia”, presieduta da Enrico Di Paolo, che è stata da poco costituita in paese dal comitato contro la miniera di località Collerotondo.
Particolare attenzione sarà riservata al fotovoltaico: durante i lavori, infatti, sarà distribuito materiale sui bandi e gli incentivi ministeriali per lo sviluppo di questo sistema di produzione di energia elettrica che sfrutta la luce del sole con un impatto ambientale praticamente nullo.
L’iniziativa è patrocinata dalla Provincia di Pescara. Oltre ad Enrico Di Paolo, al quale è affidata l’introduzione, interverranno l’assessore provinciale all’Ambiente, Sante Di Paolo, e Francesco Sarli, ingegnere esperto di energia rinnovabile, che è stato progettista dei tetti fotovoltaici presenti su Palazzo dei Marmi e sull’edificio dell’Istituto Tecnico Industriale “Volta” di Pescara.

*_PESCARA – A SCUOLA SENZ’AUTO: PROVE TECNICHE DI MOBILITÀ SOSTENIBILE PER BIMBI_*

_Tratto da Asgmedia del 05/06/2007_

*Castellamare* (Pescara) – Si terrà domani, mercoledí 6 giugno, la seconda esperienza sul campo del progetto interregionale “Andiamo a scuola senza macchina. Per un mobility management scolastico”. L’iniziativa, promossa dalla cooperativa sociale AB città di Milano e cofinanziata dall’assessorato all’Ambiente della Provincia e dall’assessorato alle Politiche europee del Comune di Pescara, ha coinvolto nell’anno scolastico ormai giunto agli sgoccioli 150 alunni delle elementari dell’area urbana di Castellamare. Dopo il “Pedibus”, sorta di “scuolabus umano” itinerante che venerdí scorso, facendo tappa lungo i percorsi casa-scuola piú frequentati dagli scolari del X circolo didattico, li ha condotti a piedi nei plessi di appartenenza, domani verrà testata una limitazione temporanea e parziale della circolazione lungo via Dalla Chiesa. Protagoniste dell’esperimento di mobilità sostenibile “a misura di bambino” saranno le classi IV C, IV A, V A e V B di Santa Filomena, coordinate dagli operatori dell’associazione agorA21. Dalle 7,30 alle 8,50, ed esclusivamente nel tratto di strada antistante l’entrata della sede scolastica, saranno consentiti l’accesso e l’uscita ai soli residenti e il passaggio dell’autobus urbano, riservando un’ampia porzione della carreggiata ai pedoni. Sarà inoltre disposto temporaneamente il senso unico di circolazione su un tratto di via Dandolo, fino all’incrocio con via Dalla Chiesa, con senso di marcia dalla Nazionale in direzione dell’incrocio. Nel corso della manifestazione verranno simulati, con l’allestimento in strada di materiale removibile realizzato dai bambini (ad esempio, strisce pedonali e un marciapiede lungo il tratto interessato di via Dandolo), alcuni interventi progettati dai piccoli cittadini per migliorare la sicurezza dei percorsi intorno alla loro scuola. Il neonato sito internet del progetto è www.percorsicasascuola.it. (red).

*_SEMINARIO: EFFICIENZA ENERGETICA E FONTI RINNOVABILI, OPPORTUNITÀ E INCENTIVI PER IL NUOVO FUTURO_*

_Tratto da Studio Headline del 05/06/2007_

*Massa Carrara* – Opportunità della nuova Finanziaria per incentivare l’utilizzo delle fonti rinnovabili, le possibilità offerte dalla Regione Toscana e dalla Comunità Europea per produrre energia pulita, i meccanismi e le procedure per accedere alla forme di aiuto, tutte le informazioni sulle diverse tipologie di rinnovabili e sui molteplici benefici socio-economici derivanti dalla nuova mentalità eco-compatibile tesa ad un più ampia sostenibilità: sono alcuni dei punti che verranno illustrati agli operatori del settore edile, impiantistico e a tutti coloro che sono interessati o hanno intenzione di scommettere sulle fonti rinnovabili per migliorare l’efficienza energetica e tutelare l’ambiente, durante il seminario organizzato da Cna Massa Carrara che si terrà venerdì 15 giugno, dalle 16 alle 19,30, presso la sede Provinciale di Viale Galileo Galilei, ad Avenza – Carrara. Cna Costruzioni e Cna Installazioni e Impianti. Grazie al contributo di esperti, Cna permetterà a tutti i partecipanti di analizzare gli argomenti relativi all’utilizzo delle fonti di energia rinnovabili, quali energia solare, eolica, da biomassa e altre forme. Info e adesioni allo 0585-85291.
Al seminario interverranno: Maurizio Mazzanti (Presidente Cna Costruzioni Toscana), Maurizio Barsottini (Presidente Cna Installazione Impianti Toscana), Fabio Roggiolani (Presidente IV Commissione Sanità della Regione Toscana. Responsabile Ufficio Nazionale del Programma dei Verdi. Collaboratore del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare), Gianfranco Castrovinci (Direttore Generale Eams), Gabriele Degli Esposti (Consulente Cna Interpreta), Francesco Meneguzzo (Ricercatore Cnr), Paolo Pucciani (Referente Small Business della Cassa di Risparmio di Lucca Pisa Livorno) e Maurizio Narra (Vice Presidente Nazionale Cna Installazione Impianti).

*_ECO-ENERGIA: NEL POTENTINO ATTIVO NUOVO IMPIANTO FOTOVOLTAICO_*

_Tratto da Ansa del 05/06/2007_

*Potenza* – E’ stata attivata questa mattina a San Severino Lucano (Potenza) una centrale fotovoltaica con immissione elettrica in rete. L’impianto, realizzato sulla scuola elementare di via Nicola Sole, ha una produzione di 20 kw/h complessivi ed e’ collegato alla rete di distribuzione dell’Enel: lo ha reso noto, con un comunicato, l’ufficio stampa del Comune. La centrale fotovoltaica e’ frutto di un progetto redatto dall’ Ufficio tecnico comunale e rientra in un programma della Regione Basilicata riguardante ”l’attuazione del Piano energetico nazionale in materia di uso razionale dell’energia, del risparmio energetico e di sviluppo delle fonti rinnovabili”. Il finanziamento per la realizzazione del progetto e’ stato di centomila euro, provenienti per il 75 per cento dalla Regione e per la rimanente parte dalle casse comunali. ”Il costo dell’energia cresce – ha detto il sindaco di San Severino Lucano, Francesco Fiore – e’ necessario pensare ad una politica che guardi a sistemi energetici piu’ efficienti e che valorizzi cio’ che la natura e’ pronta a produrre in quantita’ inimmaginabili”. (ANSA).

*_ENERGIA: CGIL, IN SICILIA SOLO 1, 2% PRODUZIONE DA RINNOVABILE_*

_Tratto da Agi del 05/06/2007_

*Palermo* – La Sicilia e’ tra le ultime regioni d’Italia per produzione lorda di energia da fonti rinnovabili (1,2% nel 2005), ha una sovrapproduzione di energia elettrica rispetto al fabbisogno regionale del 12,5%, usa il gas metano meno delle altre regioni italiane: sono alcuni dei dati emersi nel corso di un convegno della Cgil siciliana sul tema “Una rivoluzione energetica per un nuovo modello di sviluppo”, nella giornata Mondiale Onu dell’Ambiente. “Il bilancio energetico e ambientale regionale – ha detto Alfio La Rosa, del dipartimento politiche energetiche della Cgil Sicilia – e’ sconcertante: abbiamo un basso livello di industrializzazione ma elevate concentrazioni di emissioni inquinanti per la presenza di molti impianti di produzione termoelettrica e di raffinerie, il 40% della capacita’ nazionale. Le emissioni – ha sottolineato – aumentano ogni anno il loro livello compromettendo la possibilita’ di raggiungere gli obiettivi fissati dal protocollo di kioto. Nella ripartizione dei consumi – ha aggiunto La Rosa – il 54% proviene da prodotti petroliferi, il 19% dall’energia elettrica, il 24% dal gas naturale e una quota residuale dello 0,4% dalle fonti rinnovabili”.
Rimediare all’attuale situazione, secondo la Cgil , è possibile e uno strumento fondamentale può essere il piano energetico regionale e ambientale, il cui varo e’ atteso da 15 anni e del quale esiste un testo elaborato dalle Universita’ siciliane. “Si tratta di riconvertire i modelli di produzione e di consumo – ha osservato Enza Albini, della segreteria regionale del sindacato – facendo diventare la Sicilia capofila di una rivoluzione energetica nello spazio euromediterraneo, che faccia da volano a un nuovo modello di sviluppo economico e sociale”. Risparmio ed efficienza energetica (la Sicilia continua a essere tra le regioni con maggior numero di interruzioni accidentali di energia e non ha ancora adottato misure adeguate per fronteggiare i black out), riduzione delle emissioni inquinanti, sviluppo delle fonti rinnovabili e della ricerca e produzione di tecnologie collegate (settori questi ultimi da cui può venire consistente nuova occupazione), infrastrutture a idrogeno: sono questi, secondo la Cgil, i cardini di un piano regionale dell’energia ecologicamente sostenibile.

*_FOTOVOLTAICO, PRESTO ILLUMINATI I CAMPI DA TENNIS DI SAN VINCENZO_*

_Tratto da Energethics.it del 05/06/2007_

*San Vincenzo* (Livorno) – Sarà realizzato nel mese di luglio un impianto fotovoltaico per produrre energia nei campi da tennis comunali di San Vincenzo, in provincia di Livorno. Il nuovo impianto consentirà all’Associazione tennis di essere in estate quasi totalmente autonoma nella produzione e nell’utilizzo di energia e in inverno di integrare una buona quantità dei consumi energetici tradizionali. L’assessore ai lavori pubblici e qualità urbana, Kety Pini, ha dichiarato di essere molto soddisfatta per l’iniziativa che dimostra il reale impegno in campo ambientale a partire proprio dall’adeguamento del patrimonio edilizio del Comune.

*_RISPARMIO ENERGETICO ED INTRODUZIONE DEL FOTOVOLTAICO IN ORTO-FLORICOLTURA_*

_Tratto da Ponente Notizie del 05/06/2007_

*Ortovero* (San Remo) – Mercoledì 13 giugno, alle 17, nel Centro Enologico di Ortovero, la Regione Liguria, con la collaborazione della Comunità Montana Ingauna e dell’Istituto Regionale per la Floricoltura di Sanremo, terrà un convegno sul tema: “Risparmio energetico ed introduzione del Fotovoltaico in orto-floricoltura – I risultati della sperimentazione nell’ex Vivaio Isolabella”, applicata sul basilico e su alcune varietà di piante in vaso: Photos, Zamia, Ficus Benjamino, Hedera, Dieffenbacchia Tropic, Philodendron Scandens, Rosa.
A dare inizio all’evento saranno i saluti di Osvaldo Geddo, sindaco del comune di Ortovero. Il Presidente della Comunità Montana Ingauna, Pietro Revetria, introdurrà il progetto di ricerca e Gianbeppe Lercari, Direttore dell’Istituto Regionale per la Floricoltura di Sanremo illustrerà il progetto regionale “Risparmio energetico ed introduzione di fonti di energia alternative in floricoltura”.
Il contenimento dei consumi nel riscaldamento in serra sarà il tema da sviluppare a cura di Antonio Debenedetti, Presidente Consorzio Sanremese per le deleghe in Agricoltura.
I Risultati della sperimentazione nell’ex vivaio forestale “Isolabella” – Leca di Albenga del Progetto Sperimentale sul solare fotovoltaico in ortofloricoltura saranno resi noti da Miriano Losno, Assessore all’Agricoltura della Comunità Montana Ingauna e dal progettista Giacomo Roccaforte.
Come richiedere i finanziamenti per impianti fotovoltaici, l’illustrazione della normativa Conto Energia sarà resa curata da Giovanni Arnaldi, Ingegnere Esperto in energie alternative. A chiudere il convegno sarà l’intervento dell’Assessore Regionale all’Agricoltura e Protezione Civile, Giancarlo Cassini.