• Articolo , 17 marzo 2008
  • Next Energy 2008: rinnovabili a 360 gradi

  • Normative, biomasse, cogenerazione, ventilazione come recupero di calore, questi solo alcuni degli argomenti che sono stati trattati nel corso della manifestazione svoltasi alla Fiera di Milano

Nell’ambito della Mostra Convegno Expocomfort 2008 dedicata alle tecnologie per la climatizzazione e per la tecnica idrosanitaria, si è svolto Next Energy 2008; salone biennale sulle energie rinnovabili.
Il convegno d’apertura “misure di promozione e incentivazione per le energie rinnovabili e per il risparmio energetico” ha suggerito la misura e il forte interesse del settore, i convegni a seguire nel corso della settimana spesso si sono posti come importanti momenti di riflessione sullo stato dell’arte e come sintesi per procedere verso fasi più mature del rapporto tra progetto energetico a 360° e costruito, nel panorama architettonico italiano ed estero.
Nel corso del convegno sulle biomasse Aldo Abenavoli (ITABIA) pone l’accento sull’importante opportunità di semplificazione normativa che può essere introdotta con il recepimento delle direttive CE (la 2006/32/CE e le nuove in previsione) e le novità emerse anche nella commissione del 23 gennaio scorso.
La cogenerazione come uso ottimale delle biomasse evidenziata dal professor Silva, nella relazione del Dipartimento di energetica del politecnico di Milano, si trova in deciso accordo con il Presidente dell’Italian Biomass Association, Giuseppe Caserta.
Si tratta di altri importanti bilanci e approfondimenti per l’integrazione tra involucro architettonico e fotovoltaico nel convegno Next Energy sul fotovoltaico.
Venerdì poi nel corso del Workshop “strumenti e tecnologie per il recepimento della EPDB in relazione alle leggi locali e al mercato” Sergio Croce (del Politecnico di Milano) sottolinea come un’analisi accurata dei sistemi passivi e attivi per il risparmio e la produzione di energia applicati all’involucro edilizio sia fondamentale per allontanarsi da applicazioni occasionali o peggio che seguono una moda. Fare solo verifiche finali o correzioni su progetti esistenti, non consente il raggiungimento degli importanti obbiettivi sull’efficienza energetica: non solo involucro quindi, ma anche la sua messa a sistema. Altro tema molto importante, che trova peraltro già una visibile attenzione del mercato come si percepisce all’interno della Mostra Convegno Expocomfort, è quello della ventilazione meccanica. Roberto Zecchin (Università di Padova) sottolinea come la ventilazione con recupero di calore azionata da sistemi ad alta efficienza energetica sia assolutamente importante per alzare i livelli di comfort, basti pensare al minimo ricambio orario medio di 0.04 vol./ora che si attua con la tipica apertura dei serramenti una volta al giorno confrontato con un ricambio di 0.5 vol./ora.
Fabio Peron (Iuav Venezia) racconta come le nanotecnologie e i materiali a cambiamento di fase applicati alle superfici trasparenti e semitrasparenti possano rendere “fattibili” edifici trasparenti con qualità energetica.
All’interno della mostra si poteva visitare la casa ad alta efficienza, relizzata dagli artigiani del Consorzio Costruttori CasaClima Suedtirol, ove si potevano toccare con mano materiali e tecnologie costruttive innovative. A titolo di esempio, cito l’intonaco + PCM (micronal PCM BASF) a cambiamento di fase che incorpora calore nelle ore calde per cederlo nelle ore fredde e concorre al miglioramento del microclima della casa.
Ancora Interessante l’evento Next Energy con BE-MA Editrice “verso la classe A”, ove, oltre nel predisporre una semplice scheda costruita come un “gioco” per valutare il vantaggio energetico tra un’applicazione di risparmio energetico piuttosto che un’altra, si poteva vedere dal vero, realizzati dalla scuola ESEM Milano, vari tipi di paramento murario con varie applicazione di isolamento.
Tra i prodotti, un innovativo prodotto italiano per il riscaldamento civile, ma anche per saune e piscine, che si basa sulla tecnologia dei raggi infrarossi. Un pannello riscaldante da parete composto da cristalli temprati uniti fra loro, con all’interno un sistema brevettato infrarosso della ditta produttrice Magic–Panel. Il sistema coperto da numerosi brevetti è conforme a tutte le normative europee (specifiche del produttore).
La grande affluenza di pubblico fa sicuramente ben sperare per le prossime edizioni di Next Energy, auspicando un ulteriore consolidarsi del rapporto tra progettisti impiantisti, progettisti architettonici e della ricerca scientifica applicata.

h4{color:#FFFFFF;}. Andrea Ganz