• Articolo , 27 settembre 2010
  • NI, la regione pensa a nuovi standard rinnovabili: 40% entro il 2020

  • La regione iralndese vorrebbere passare dall’attuale percentuale inferiore al 10% fino ad un 40% di energia generata sfruttando le fonti pulite di energia entro il prossimo decennio. L’obiettivo risulta ambizioso e richiede la realizzazione di parchi eolici off-shore e strutture per lo sfruttamento dell’energia marina

(Rinnovabili.it) – Nell’Irlanda del Nord (NI) si vogliono fissare nuovi standard rinnovabili puntando alla generazione di energia pulita che arrivi a toccare il 40% dell’elettricità generata nella regione entro il 2020. In questo modo si raggiungerebbe anche un altro degli intenti green del paese, ossia la riduzione della dipendenza dai combustibili fossili come carbone, gas e petrolio.
Attualmente nell’area la produzione di energia pulita equivale a meno del 10% del totale di quanto generato, elettricità che proveniente soprattutto dallo sfruttamento della fonte eolica per mezzo di impianti on-shore.
Per raggiungere l’obiettivo fissato l’Irlanda avrà però bisogno di realizzare e mettere in funzione nuove stazioni off-shore oltre al posizionamento di idro-turbine per lo sfruttamento delle maree. A tal proposito il Ministro dell’Energia, Arlene Foster, ha ricordato che gli obiettivi contenuti nello _Strategic Energy Framework for Northern Ireland 2010_ evidenziano la necessità di agire in maniera rapida ed efficace contro il cambiamento climatico affrontando anche altre sfide che migliorino la sicurezza energetica, la sostenibilità dell’approvvigionamento e l’equità dei costi.