• Articolo , 12 ottobre 2007
  • Nuova Zelanda: elettricità pulita entro il 2025

  • Il governo neozelandese annuncia il dimezzamento delle emissioni di CO2 e la pressochè totale fornitura di elettricità verde

Il primo ministro laburista neozelandese Helen Clarke, alla presentazione del rapporto “Strategia energetica fino al 2050”, ha annunciato che il suo governo si impegnerà a dimezzare le emissioni climalteranti da trasporti e a generare il 90% dell’elettricità da fonti rinnovabili entro il 2025. La Nuova Zelanda promette che entro il 2020 circa il 25% dei carburanti liquidi usati nei trasporti saranno derivati da fonti rinnovabili, e la proporzione salirà all’85% entro il 2050, mentre attualmente i mezzi di trasporto alimentati da benzina e diesel rappresentano il 44% del consumo nazionale di energia. Il premier ha aggiunto che l’energia eolica e geotermica sono le chiavi per aiutare la Nuova Zelanda a eliminare gradualmente la produzione di elettricità da fonti fossili. Il 65% dell’elettricità è già generata da risorse rinnovabili, principalmente impianti idroelettrici. Anche le aziende elettriche stanno rispondendo in modo favorevole ai piani del governo sospendendo i piani di sviluppo di nuove centrali a carbone e a gas. (fonte Ansa)