• Articolo , 6 agosto 2007
  • Nuove soluzioni per l’energia a livello locale

  • Il Consiglio comunale di Gravina ha approvato il piano regolatore per l’installazione di impianti eolici (Prie), piano intercomunale, perché interessa anche il territorio del Comune di Poggiorsini, ma è anche un piano che potrà essere preso ad esempio da altri centri interessati a produrre energia alternativa

Questo piano, ha sottolineato il sindaco Vendola, ottempera a tutte le specifiche presenti nel piano energetico ambientale regionale e, per Gravina, anche a delle caratteristiche fondamentali per un sito che vanta grandi attrattive, monumentali, naturali, archeologiche, nonchè storiche, che vanno senz’altro preservate.
Le specifiche tecniche del progetto sono state spiegate proprio dall’autore del piano, Gian Maria Gasperi, direttore generale di Aforis e coordinatore del Pear-Puglia (Piano Energetico Ambientale Regionale), che già al momento della progettazione ha tenuto presente esigenze e necessità degli amministratori in merito all’impatto paesaggistico-ambientale che avrebbe creato l’installazione di pale eoliche sul territorio. Gasperi ha proposto il Prie di Gravina come un modello per le programazioni energetiche di tutta la Puglia, allontanando qualsiasi perplessità sulla validità del’operazione. Il Prie, prima di essere discusso in Consiglio comunale, è stato analizzato e accettato dalle varie rappresentanze professionali coinvolte nel tema, negli incontri con i rappresentati delle istituzioni.
Per presentare il “modello Prie”, l’assessore regionale all’ecologia Michele Losappio e il sindaco di Gravina, Rino Vendola, terranno una conferenza stampa presso la Regione Puglia, nei prossimi giorni. (fonte GravinaOnLine)