• Articolo , 14 aprile 2009
  • Nuovi nanomateriali anche per l’eolico

  • Le potenzialità delle nanotecnologie non sono confinate solo al settore fotovoltaico e un centro di ricerche spagnolo è pronto ad indagarne i risultanti a livello eolico e edilizio

(Rinnovabili.it) – Nanotecnologie al servizio del vento nella cornice spagnola della Cantabria. Il Centro Tecnologico dei Componenti (CTC) dell’omonima Universidad de Cantabria, sta, infatti, lavorando su un progetto di ricerca nel campo dei nanomateriali da destinare, tra l’altro, al settore dell’energia eolica. Secondo le informazioni raccolte dall’agenzia di stampa Europa Press il lavoro degli scienziati spagnoli si inserisce in un programma di ricerca più ampio che coinvolge altri sei centri tecnologici nazionali, riuniti sotto un unico consorzio, il Nanocit.
L’obiettivo è quello di realizzare nuovi nanocompositi rinforzati ad alte prestazioni da destinare alla fabbricazione di componenti delle turbine eoliche, in maniera tale da ridurre l’elevato costo di produzione di questa tecnologia aumentando la durata di vita e migliorandone l’efficienza. Si tratta nella pratica di combinare in maniera artificiale i vantaggi di diversi materiali in uno solo. Lo studio della CTC sarà altresì utile nella realizzazione di pannelli per l’edilizia o, nel settore automobilistico, per migliorare le prestazioni meccaniche di alcuni componenti riducendone il peso.