• Articolo , 15 ottobre 2008
  • Nuovo ossigeno per il Pianeta con un “click”

  • Clickair è la prima compagnia aerea spagnola ad aver firmato la convenzione con il comune di El Prat e la fondazione Más Árboles per aderire all’iniziativa ONU “7 miliardi di alberi entro il 2009”

Sapere quanta CO2 si produce con un viaggio aereo e compensarla con nuovo ossigeno. E’ possibile? Da oggi si, perlomeno con Clickair, la prima compagnia aerea low cost di Barcellona, ed il suo progetto Clickverde per la creazione di un area boschiva presso il Delta del Llobregat, vicino la città di Barcellona. L’iniziativa, realizzata in collaborazione con la Fundacion Mas Arboles e il Comune di El Prat de Llobregat, rientra nel più amplio programma dell’UNEP “7 miliardi di alberi entro il 2009”. Per promuovere una nuova cultura di eco responsabilità, la compagnia siè impeganata a piantare 250 alberi, dieci per ciascun aereo in possesso e ha creato all’interno del proprio sito web una “pagina dedicata”:http://www.clickair.com/view/calculadora.aspx?lang=6 interamente al progetto. L’utente alle prese con la prenotazione, inserendo città di partenza e arrivo in un form dedicato, potrà facilmente sapere quanta CO2 produce nell’atmosfera viaggiando in aereo. Contemporaneamente scoprirà il valore del contributo per poter bilanciare quanto emesso in Co2 con l’ossigeno di un nuovo albero piantato nel bosco clickair. “Vogliamo dare ai passeggeri l’opportunità di partecipare a questa iniziativa in modo attivo e chiaro – spiega Alex Cruz, a.d. di Clickair – dando vita ad un progetto di riforestazione visibile a tutti”. Inoltre, il progetto può essere seguito in tutte le sue fasi grazie a Google earth. “Si tratta di un gesto precursore – ha dichiarato il sindaco del Prat de Llobregat, Lluis Tejedor – e di una magnifica opportunità che dimostra l’attenzione e la sensibilità crescente di clickair verso le questioni ecoambientali”. La fondazione Mas Arboles inoltre, in accordo con la compagnia, si occuperà della cura dell’area boschiva e della sua tutela per un periodo non inferiore ai 25 anni. Verranno rispettate le caratteristiche della zona, le biodiversità esistenti, la fauna e la flora circostante e verrà monitorata la capacità dell’area boschiva di rigenerare l’ambiente. Come ha dichiarato il Presidente della fondazione Mas Arboles, Javier Sanchez Picò, “Un albero rappresenta un investimento per tutti: per una città, una compagnia aerea così come per ogni cittadino del pianeta”.