• Articolo , 5 giugno 2008
  • Offshore: la “Princess Amalia” mette in moto le sue turbine

  • Inaugurata da Econcern il mega impianto nel mare del Nord in grado di fornire 435 GWh l’anno di energia pulita

Con le sue 60 turbine da 2 MW ciascuna, posizionate a 23 km dalla costa olandese di IJmuiden, con acque profonde tra i 19 e i 24 metri, la centrale eolica inaugurata da Econcern si conferma il più grande impianto offshore mai realizzato al mondo oltre il limite delle 12 miglia e nel contempo anche quello installato più lontano dalla terra ferma e alla maggiore profondità. “Princess Amalia Wind Farm” – così ribattezzata in onore della primogenita dei Regali belgi – una volta a pieno regime sarà in grado di fornire 435 GWh annuali di energia, quanto basta per coprire il fabbisogno energetico di 125,000 famiglie olandesi e risparmiare 225,000 tonnellate di emissioni di CO2. Ma la centrale si avvale anche di un altro primato: è stata realizzata attraverso un progetto di finanziamento comunemente detto “senza regresso”, vale a dire le banche coinvolte nel finanziamento (Dexia, Rabobank e BNP Paribas) si avvarranno degli introiti provenienti dall’attività della centrale per coprire interamente rate e interessi, senza che siano necessarie ulteriori garanzie da parte degli azionisti. “Princess Amalia” rappresenta per l’Olanda il primo passo per raggiungere gli obiettivi energetici e ambientali prefissatasi, tra cui il raggiungimento di 6,000 MW di energia pulita dallo sfruttamento dei venti marini.