• Articolo , 8 maggio 2008
  • Olanda: combattere l’inquinamento con il controllo satellitare

  • In fase di partenza il progetto olandese per far pagare le tasse automobilistiche in base al reale utilizzo, attraverso l’uso del GPS

In Europa i Sistemi di Trasporto Intelligente (ITS), stanno acquistando sempre una maggiore importanza, anche alla luce della sempre maggior esigenza di soluzioni alternative e la necessità di minimizzare inquinamento e congestione del traffico urbano. Un esempio arriva ora dall’Olanda dove sta per diventare effettivo un programma di monitoraggio satellitare dei veicoli che permetterà di pagare le tasse automobilistiche in base all’autoveicolo utilizzato, i chilometri, la tipologia di strade percorse, e gli orari di percorrenza. Il sistema sarà applicato a partire dal 2011 per i mezzi commerciali e dal 2012-2016 per le auto private, tramite l’installazione sulle vetture di una trasmittente GPS che trasmetterà i dati a un computer centrale che elaborerà poi tutte le informazioni ricevute. Obiettivo del progetto è disincentivare l’utilizzo dei mezzi inquinanti, riducendo le emissioni di CO2: ad esempio, guidare un Suv per entrare in città attraverso un’autostrada nelle ore di punta costerà sicuramente di più che muoversi con un’utilitaria in un’area rurale (dove l’automobile è più che una necessità).