• Articolo , 11 giugno 2010
  • Oltre 2mila cooperative nazionali puntano su CasaClima

  • “Legacoop Abitanti”, che a livello nazionale raggruppa oltre 2mila cooperative di edilizia abitativa con 400mila iscritti, punta sul modello CasaClima. L’assessore provinciale Michl Laimer firma venerdì 18 giugno un accordo che costituisce la base per l’applicazione del modello di certificazione CasaClima da parte di Legacoop. Sono ltre 2.300 le case a basso consumo energetico finora […]

“Legacoop Abitanti”, che a livello nazionale raggruppa oltre 2mila cooperative di edilizia abitativa con 400mila iscritti, punta sul modello CasaClima. L’assessore provinciale Michl Laimer firma venerdì 18 giugno un accordo che costituisce la base per l’applicazione del modello di certificazione CasaClima da parte di Legacoop.

Sono ltre 2.300 le case a basso consumo energetico finora certificate in Italia. Un nuovo passo importante è previsto la prossima settimana, qiuando verrá stipulata formalmente tra l’Agenzia CasaClima e “Legacoop Abitanti” una convenzione nazionale che permetterà alle cooperative associate di ottenere la certificazione degli edifici a condizioni più favorevoli rispetto a quelle di mercato, definendo criteri, adempimenti e prassi necessari al buon fine dell’intero procedimento certificativo.

L’accordo verrà siglato dall’assessore provinciale Michl Laimer e dalla delegazione nazionale giunta da Roma e rappresenterà anche la base per una più stretta collaborazione nel settore dell’aggiornamento. La firma della convenzione è in programma a Bolzano

venerdì 18 giugno

alle ore 11

nella Camera di commercio

in via Alto Adige 60

alla presenza dell’assessore Laimer, del presidente di “Legacoop Abitanti”, Luciano Caffini, del presidente di “Legacoopbund”, Alberto Stenico e del direttore dell’Agenzia CasaClima Norbert Lantschner.