• Articolo , 19 luglio 2010
  • Oltre 6 mld per fare dell’Europa ‘l’Unione dell’Innovazione’

  • Un pacchetto di sovvenzioni destinato a progetti di punta per affrontare le grandi sfide economiche e sociali: il cambiamento climatico, la sicurezza energetica e alimentare, la sanità e l’invecchiamento della popolazione

(Rinnovabili.it) – “Investire nella ricerca e nell’innovazione è l’unico modo intelligente e durevole per uscire dalla crisi e dirigersi verso una crescita sostenibile e socialmente equa”. Così si espressa la Commissaria europea Máire Geoghegan-Quinn annunciando i 6,4 miliardi di euro stanziati da Bruxelles per i settori della ricerca e dell’innovazione. Un pacchetto voluto e messo a punto dalla Commissione per rendere il Vecchio Continente ancor più competitivo sui driver di ripresa economica, aiutando a risolvere problematiche sociali quali il cambiamento climatico, la sicurezza energetica e alimentare, nonché la sanità e l’invecchiamento della popolazione. “Questo pacchetto – ha spiegato Geoghegan-Quinn – contribuirà a creare prodotti e servizi nuovi e migliori, un’Europa più concorrenziale e più verde, nonché una società migliore, con una qualità della vita più elevata”. Saranno, secondo le stime, 16.000 partecipanti provenienti da enti di ricerca, università e industria (tra cui circa 3.000 PMI) a delle sovvenzioni, conferite attraverso inviti a presentare proposte e valutazioni nei prossimi 14 mesi. Dei 6,4 miliardi stanziati circa 205 milioni di euro andranno a progetti nell’ambito della ricerca ambientale, area in cui vengono introdotte da quest’anno precise modalità per accelerare la condivisione dei risultati: “i beneficiari delle sovvenzioni UE – si legge nel comunicato stampa – si impegnano a rendere liberamente accessibili le pubblicazioni derivate dalla loro ricerca, al termine di un determinato periodo di riservatezza”.