• Articolo , 7 agosto 2007
  • ONU: nel 2007 “avvenimenti meteorologici estremi”

  • Piogge monsoniche, violente inondazioni, ondate di caldo asfissiante; questo inizio d’anno è stato caratterizzato da eventi meteo mai verificatisi. Ingenti i danni causati e, purtroppo, anche numerose vittime

Dall’inizio dell’anno il nostro Pianeta è stato sconvolto da eventi climatici inusuali e particolarmente estremi. Lo afferma un rapporto ufficiale dell’Organizzazione Meteorologica Mondiale (OMM), un organismo dell’ONU. Le temperature, nei primi mesi di quest’anno, hanno raggiunto livelli record, arrivando ad un aumento di 1,89 gradi sulla media nel mese di gennaio ed a 1,37 gradi in aprile. Limitatamente alla situazione europea, le temperature sono addirittura state di quattro gradi sopra la media. “L’inizio dell’anno 2007 è stato pieno di avvenimenti meteorologici estremi”, ha chiarito Omar Baddour uno degli scienziati dell’OMM. La lista stilata dall’organizzazione comprende le piogge monsoniche senza pari negli ultimi decenni in Asia del sud che da giugno hanno già causato la morte di 1.900 persone in Bangladesh, India e Nepal, e hanno lasciato oltre 30 milioni senza tetto. Nel rapporto sono comprese anche le violente inondazioni che hanno colpito in luglio una parte della Gran Bretagna, l’ondata di caldo estivo nell’Europa del sud-est, le forti precipitazioni di giungo in Cina, così come il ciclone Gonu in giugno nell’Oman e in Iran, il più violento abbattutosi nel Golfo negli ultimi 30 anni, che ha provocato 50 morti. Nel rapporto non mancano la piena del Nilo in Sudan nel giugno scorso, le abbondanti nevicate in SudAfrica e in alcune aree del Sud America, le inondazioni alle Maldive in maggio e quelle in Uruguay, le più devastanti dal 1959. (fonte Ansa)