• Articolo , 19 settembre 2011
  • Onu: una ‘cassetta delle idee’ per Rio +20

  • Governi, organizzazioni delle Nazioni Unite e i rappresentanti di Major Groups sono chiamati a raccogliere insieme i propri suggerimenti su come avviare un processo di sviluppo sostenibile a livello mondiale. Le idee saranno incluse nel testo base dei negoziati brasiliani

(Rinnovabili.it) – Per ampliare la partecipazione alla prossima Conferenza delle Nazioni Unite sullo sviluppo sostenibile (Rio +20), l’Onu è intenzionato a raccogliere le idee dei Major Groups, i 9 gruppi che rappresentano i settori della società riconosciuti nell’Agenzia 21 come portatori di sostanziali interessi per la realizzazione degli obiettivi dello Sviluppo Sostenibile. I gruppi principali sono Donne, giovani e bambini, popoli indigeni, organizzazioni non governative, enti locali, lavoratori e sindacati, imprese e industria, Comunità scientifica e tecnica, e agricoltori: sono loro i nove gruppi chiamati dall’agenzia a fornire suggerimenti su come indirizzare il mondo verso lo sviluppo sostenibile, un processo volto a promuovere la prosperità economica e il miglioramento della qualità della vita tutelando al contempo l’ambiente per le generazioni presenti e future. I consigli saranno presi in considerazione per la compilazione di un documento che servirà da base ai negoziati della Conferenza brasiliana. “Sappiamo che i tre pilastri dello sviluppo sostenibile – sociale, economico e ambientale – sono strettamente interdipendenti”, afferma il segretario generale di Rio +20 Sha Zukang. “Non possiamo continuare a devastare l’ambiente e gli ecosistemi della terra. Sostenere il progresso diverrà solo più difficile. Alcuni hanno ribattezzato Rio +20 la *Conferenza per il Futuro*. Rio +20 appartiene a tutti noi ed invito tutti a contribuire con idee migliori e più innovative. Cerchiamo, insieme, di rendere davvero questo l’inizio di un nuovo futuro”.