• Articolo , 23 giugno 2010
  • OPG: interventi da 440 MW per l’idroelettrico dell’Ontario

  • Interventi su bacini ed impianti già esistenti per limitare l’impatto ambientale garantendo la generazione di energia pulita. Il progetto della ONG si concentrerà su quattro aree disposte lungo il fiume Mattagami

(Rinnovabili.it) – L’Ontario sta vedendo la realizzazione del più grande progetto idroelettrico del nord della regione. Grazie ad un investimento pari a 2,54 miliardi di dollari, necessari per portare a termine l’espansione della capacità delle quattro stazioni già esistenti da 486MW a 924MW, si riuscirà a colmare il fabbisogno energetico di circa 440 mila abitazioni.
Il sito, collocato a circa 830 chilometri da Toronto, vedrà il progetto completarsi attraverso quattro diversi interventi: la ricostruzione della Smoky Falls Generating Station e l’aggiunta di nuove unità di generazione presso le stazioni di Harmon, Kipling, e Little Long. Ristrutturando siti esistenti si potrà quindi generare energia rinnovabile con il minimo impatto ambientale.
“I lavori preliminari, quali l’ingegneria civile e la compensazione degli alberi è già in corso”, ha riferito Ted Gruetzner, direttore delle relazioni con i media dell’OPG, la Ontario Power Generation, proprietà del governo provinciale. Il lavoro più pesante riguarderà però la costruzione di un cofferdam (ossia di un cassone di fondazione), che inizierà a metà luglio.
E’ previsto l’impiego di circa 600 persone per ogni anno di lavoro necessario al completamento del progetto, con picchi che raggiungeranno gli 800 lavoratori che andranno a stimolare un sistema che, tra lavoratori diretti e indiretti muoverà circa 4000 persone.