• Articolo , 14 gennaio 2009
  • Palermo e Tunisi: una sola lingua sulle rinnovabili

  • Approvato a Tunisi il progetto Med Energy. Obiettivo: agevolare l’incontro fra potenziali partner d’imprese tunisini e marocchini e italiane e sostenere le ipotesi di cooperazione, sviluppo e innovazione nel settore delle energie pulite

Med-Invest è il programma comunitario di sostegno alla cooperazione economica tra UE e Paesi del Mediterraneo lanciato a luglio 2008 e focalizzato su una serie di settori prioritari come energia, agroalimentare, turismo, trasporti e logistica. In tale contesto si inserisce il progetto Med Energy, promosso dall’Asem di Palermo, in partenariato con la Camera di commercio di Tunisi, la Confederation of Egyptian European Business Associazione del Cairo, la Meda enviro network di Barcellona e Retecamere di Roma. Il progetto in questione ora approvato a Tunisi dall’Autorità di gestione di “In Med Invest”, ha per obiettivo la promozione e il sostegno delle imprese euro-mediterranee impegnate nel settore delle energie alternative e rinnovabili che intendono investire in Tunisia e Marocco, scambiarsi esperienze, know-how, tecnologie, promuovendo cooperazioni tecnologiche e scientifiche e sviluppando progetti industriali in partenariato. Med Energy si articolerà in tre fasi che si realizzeranno tra gennaio e luglio 2009 e si focalizzerà soprattutto l’incontro fra imprese italiane e mediterranee incoraggiando il partenariato e la stipula di accordi di cooperazione industriale, tecnologico e commerciale campo delle energie alternative e rinnovabili.