• Articolo , 18 dicembre 2010
  • Parte Energybook, la piattaforma per il controllo dei consumi energetici edilizi

  • Presentata ieri sera “Energybook”, la nuova piattaforma software adottata dal Comune di Transacqua con i dati del nuovo piano energetico. Una platea attenta e interessata quella di ieri sera a Transaqua, nella valle del Primiero, durante la presentazione di “Energybook”, il nuovo servizio innovativo basato su un Sistema Informativo Territoriale (S.I.T) dedicato alla gestione energetica, […]

Presentata ieri sera “Energybook”, la nuova piattaforma software adottata dal Comune di Transacqua con i dati del nuovo piano energetico.

Una platea attenta e interessata quella di ieri sera a Transaqua, nella valle del Primiero, durante la presentazione di “Energybook”, il nuovo servizio innovativo basato su un Sistema Informativo Territoriale (S.I.T) dedicato alla gestione energetica, ambientale e del patrimonio edilizio. Energybook restituisce informazioni statiche sui consumi degli edifici e sulla loro classificazione energetica (dipendente dal relativo attestato) e le armonizza con i Piani di riferimento.

L’amministrazione di Transacqua, con questa piattaforma software, la prima del suo genere in Trentino, vuole promuovere una gestione più efficiente e sostenibile del territorio comunale. Gli obiettivi di sostenibilità saranno raggiunti dall’Amministrazione anche grazie all’utilizzo di maggiori dati e di precise indicazioni energetiche di supporto alla pianificazione (es. classi energetiche di edifici pubblici, piani luce, produzione da rinnovabile). Il sistema, inoltre, è stato pensato per promuovere modelli di programmazione urbanistica innovativi e basati proprio sugli obiettivi di sostenibilità.

All’incontro ha partecipato l’Assessore alle politiche energetiche del Comune di Transacqua Claudio Lucian, che ha spiegato: «Il nuovo servizio faciliterà la gestione del dato energetico, ma si affiancherà agli strumenti già in uso da parte del nostro ufficio tecnico per l’emissione della concessione edilizia. Nei primi mesi del 2011 ci aspettiamo di mettere in funzione la piattaforma, anche con dei cicli di formazione al personale comunale. Una volta che la piattaforma sarà a pieno regime, avremo la possibilità di leggere una mappa sovrapposta al P.R.G., in cui, i dati analitici raccolti, ci permetteranno di fare valutazioni efficaci e legate all’efficienza energetica del patrimonio edilizio comunale sia pubblico che privato».

E Marino Simoni, Sindaco di Transacqua e Presidente del Consorzio dei Comuni trentini, ha aggiunto: “Il sistema armonizzato tra dati energetici, strumenti urbanistici e condivisione con i cittadini, va nella direzione di etica territoriale, efficienza della Pubblica Amministrazione e buone pratiche di sostenibilità promosse dalla Provincia anche nella nuova Finanziaria. In tal senso il Comune di Transacqua ha trovato nel progetto la possibilità di concretizzare le proprie idee, avvalendosi anche di risorse locali oltre che di apporti provinciali di eccellenza, come il Distretto Tecnologico Trentino. Se il progetto è nato come una scommessa per l’Amministrazione , si può dire che ad oggi le idee hanno preso forma concreta e che i prossimi passaggi porteranno ad una positiva integrazione tra cittadini e Pubblica Amministrazione”.

A giugno il progetto era stato tra i 13 selezionati alla mostra concorso Eccellenza Green, organizzata da Habitech – Distretto Tecnologico Trentino nell’ambito del Festival dell’Economia, e nello stesso mese era stato presentato a Trento al Forum Europeo per l’Innovazione (EFI) 2010, organizzato dalla European Alliance for Innovation (EAI) e dalla Provincia autonoma di Trento.

Soddisfatto l’Amministratore delegato di Habitech Gianni Lazzari: “La realizzazione dell’efficienza energetica passa anche attraverso l’uso di sistemi informativi geografici che permettono di gestire in modo efficace la programmazione delle azioni pubbliche ed il monitoraggio puntuale dei risultati. Habitech promuove lo sviluppo di questi sistemi e la loro diffusione”.

Luigi Boso, per Boso + Partners (ideatori e sviluppatori del sistema), con cui collaborano anche il Polo Tecnologico per l’Energia e M.P.A. spin-off della Fondazione Bruno Kesler-IRST, sottolinea: “Le potenzialità del sistema saranno elevate nella misura in cui esso sarà in grado di armonizzarsi con gli strumenti di gestione del settore tecnico dell’Amministrazione. È inoltre necessaria una promozione verso l’utente cittadino che valorizzi una politica di trasparenza ed efficienza nell’interazione con la Pubblica Amministrazione. Auspico che tale sistema possa essere condiviso sul territorio per creare una rete di dati completa e realmente efficace”.