• Articolo , 12 giugno 2009
  • Parte il progetto per il biodiesel a girasole nei mezzi pubblici in tutta Toscana

  • Nel prossimo futuro a Siena e in Toscana i mezzi pubblici andranno a girasoli. Non è più un sogno visto i progressi del progetto “SIEnA”, acronimo che sta per “Sviluppo Integrato delle Energie rinnovabili provenienti dal settore Agricolo” ma anche il nome della città che ha ospitato la sperimentazione. L’obiettivo è quello di raggiungere un […]

Nel prossimo futuro a Siena e in Toscana i mezzi pubblici andranno a girasoli. Non è più un sogno visto i progressi del progetto “SIEnA”, acronimo che sta per “Sviluppo Integrato delle Energie rinnovabili provenienti dal settore Agricolo” ma anche il nome della città che ha ospitato la sperimentazione. L’obiettivo è quello di raggiungere un modello efficace per ridurre le emissioni di CO2, in pratica riuscire a utilizzare il biodiesel invece che a benzina per dimezzare le emissioni di anidride carbonica nell’aria.

Il progetto è stato promosso dalla Provincia di Siena, Arsia e Cispel (con il finanziamento della Regione Toscana e della Fondazione Mps) e ha “promosso – come ha sottolineato Maria Grazia Mammuccini, direttore Arsia – una filiera locale con il coinvolgimento e la partecipazione di molti partner, partendo dai produttori agricoli, dalle strutture di prima trasformazione, dalle imprese industriali di estrazione dell’olio e di produzione di biodiesel, fino ai centri di ricerca che rappresentano punti di eccellenza nella nostra regione, e le aziende utilizzatrici (che in questo caso sono rappresentate da aziende locali che gestiscono il trasporto urbano e la raccolta dei rifiuti).

Questa filiera locale consente pertanto di garantire la sostenibilità ambientale del progetto ed al tempo stesso assume una sua specifica rilevanza, sia per il successo del progetto pilota, sia per la sua trasferibilità in altre realtà territoriali”.