• Articolo , 12 ottobre 2009
  • ‘Peace Boat’, buoni propositi in ogni porto!

  • La ‘nave della pace’ approda nei porti di tutti i continenti, portando messaggi di solidarietà, mentre dal 16 al 18 ottobre si procederà ad uno ‘stand up’ generale per manifestare l’adesione alla lotta contro la fame nel mondo

(Rinnovabili.it) – Tre giri del mondo in 365 giorni. E’ questo il programma della nave della sostenibilità, della pace e della solidarietà che durante il suo viaggio toccherà tutti i continenti e che attualmente ha fatto scalo al porto di Civitavecchia. La prima edizione del tour è dovuta ad un gruppo di studenti universitari giapponesi che a quell’epoca, nel 1983, protestavano contro la politica del governo. In seguito ha gradatamente acquisito un significato diverso, a sostegno delle politiche ambientali. Quest’anno il tour ha avuto inizio lo scorso 26 agosto a Yokohama: la ‘Peace boat’, nave passeggeri lunga 250 metri, ha l’importante compito di far approdare i buoni propositi in ogni porto.
A tal fine la nave prenderà parte anche alla campagna ‘Stand Up’, promossa dalle Nazioni Unite, dalla Caritas Italiana, dalla Uisp (Unione sport per tutti) e dal Wwf, con il patrocinio del Coni e della Rai che quest’anno si svolgerà dal 16 al 18 ottobre e ha come obiettivo la lotta alla povertà e ai cambiamenti climatici. E’ stato lanciato l’invito ad alzarsi in piedi e fare un nodo simbolico per ricordare l’impegno preso dalle nazioni a favore della lotta al climate change.
Nel caso del nostro paese, Marta Guglielmetti, coordinatrice della Campagna del millenio delle Nazioni Unite, ha dichiarato ”in Italia si fa lo Stand up per ricordare due cose al governo: rispettare gli impegni per aumentare l’aiuto pubblico allo sviluppo e alla cooperazione internazionale e assumere un ruolo decisivo nei negoziati sul cambiamento climatico” a circa due mesi dal summit di Copenhagen.
Lo ‘Stand Up’ è una delle manifestazioni più seguite al mondo: nel 2008 il 2% della popolazione mondiale (116 milioni) si è alzato dimostrando la propria solidarietà alla lotta contro la piaga della fame nel mondo e l’Italia ha contato 400.000 adesioni, il cui calcolo è stato possibile grazie alle iscrizioni al “sito dell’iniziativa”:http://www.standupitalia.it/ come partecipante ‘attivo’ allo stand up.
Le iniziative italiane porteranno un messaggio comune “L’Italia deve rispettare i propri impegni per aumentare e migliorare l’efficacia dell’Aiuto pubblico allo sviluppo a partire dalla legge Finanziaria 2010, attualmente in discussione in parlamento”.