• Articolo , 15 febbraio 2010
  • Pechino: il quartiere zero emission sfrutta la geotermia

  • Geotermia, trasporto pubblico e progettazione ecosostenible sono l’essenza del progetto dello studio SOM per la realizzazione di un quartiere green nella città di Pechino

(Rinnovabili.it) – Utilizzare l’energia geotermica per riscaldare e raffreddare un intero quartiere di Pechino, risparmiando energia e acqua. Il progetto è dello studio SOM, che ha scelto l’agglomerato di Dawangjing per un prospetto volto a massimizzare il risparmio energetico riducendo al minimo le emissioni di carbonio grazie allo sviluppo di una sorta di centrale geotermica nel centro del quartiere.
Interessato alla realizzazione di numerosi parchi pubblici e grattacieli il progetto punta anche all’incremento dell’utilizzo dei mezzi pubblici cercando di spingere l’80% dei lavoratori a spostarsi con i mezzi pubblici proponendo un sistema di trasporto che integra alle linee dei tram una serie di piste ciclabili, nella speranza di ridurre il traffico automobilistico.
Localizzato ad 11 chilometri dall’aeroporto internazionale di Pechino il quartiere ecologico rientrerebbe negli sforzi del Paese alla conquista di un regime energetico economico a basse emissioni con la conseguente riduzione dell’impiego di acqua nei sistemi di refrigerazione e riscaldamento grazie all’impiego di una risorsa naturale quale il calore nascosto nelle viscere della terra.
Peter Ruggiero, Design Partner della SOM ha aggiunto “Abbiamo visto questo progetto come una sorta di dimostrazione. Ci ha offerto l’opportunità di presentare nuovi modi di pensare a soluzioni per ridurre l’impronta di carbonio in città. La nostra soluzione è un approccio integrato globale di progettazione urbana, architettura e rispetto per l’ambiente”.