• Articolo , 25 aprile 2008
  • Per i tetti toscani fotovoltaico al posto dell’amianto

  • Energia pulita abbinata allo smantellamento delle coperture in eternit

Il comune di Scarlino, in provincia di Grosseto è pronto a dire addio al tossico eternit tramite un vantaggioso scambio: abbinando lo smantellamento di 6mila metri quadrati di tetti in amianto con l’istallazione di moduli fotovoltaici. La proposta è stata avanzata dall’azienda Bandite, gestita dal Comune, per quanto riguarda i “Poderi di Pian d’Alma” per la cui realizzazione intende usufruire degli incentivi offerti dal governo tramite il Conto Energia. La superficie esposta a sud dei nuovi tetti sarà coperta interamente da celle solari per un potenziale di circa 375 kW. L’energia prodotta sarà reimmessa direttamente nella rete elettrica e soddisferà un fabbisogno pari a quello di 107 abitazioni. L’idea dell’Amministrazione era da tempo quella di liberare i poderi dal pericolo dell’eternit, anche in ragione del fatto che l’azienda Bandite si trova all’interno di un parco naturale riconosciuto dall’Unione Europea e dalla Regione Toscana. Ora potrà farlo portando un duplice beneficio alla società ed all’ambiente.