• Articolo , 17 aprile 2007
  • Per il futuro energetico di Foggia solare e torri del vento

  • Al Forum Ambientale di Agenda 21 presentato l’ “Atto di indirizzo per le attività in campo energetico nel territorio del Comune di Foggia”. Previsto un piano per lo sviluppo delle diverse fonti rinnovabili

All’incontro del Forum Ambientale di “Agenda 21” è stato presentato l’ “Atto di indirizzo per le attività in campo energetico nel territorio del Comune di Foggia”. L’evento si è tenuto nella sede dell’Amgas, ed è la diretta conseguenza dell’aumento delle emissioni inquinanti che a Foggia hanno un trend addirittura superiore alla produzione di energia. Scopo dell’atto, spiega Gian Maria Gasperi, coordinatore dell’Ufficio Agenda 21, è stato “il coinvolgimento di tutti gli attori istituzionali chiamati in causa per lo sviluppo ed il governo dell’energia nei prossimi anni”. L’invito rivolto da Agenda 21 all’Amministrazione Comunale chiede maggiore presenza ed una dotazione tecnologica e non, idonea a combattere le emissioni di gas serra ed i consumi. I dati forniti da Gasperi dicono che “nel capoluogo le emissioni di gas serra si sono attestate, nel 2005, attorno ad un valore pari a 905.000 tonnellate. Dal 1995 al 2005 queste sono cresciute del 15% a fronte di un incremento dei consumi energetici pari al 7%. I settori che hanno prodotto maggiore emissione di Co2 sono il settore civile con il 34,5%, l’industria con il 34% e i trasporti con il 25%. L’agricoltura, invece, contribuisce per poco più del 6%”. Per il futuro andrebbe quindi seriamente presa in considerazione, come illustrato ieri, una “pianificazione energetica” per imprimere un incremento “alle biomasse, al fotovoltaico e all’eolico”. Non è reputata una cattiva idea l’installazione anche nei pressi del capoluogo delle torri del vento. E secondo il coordinatore dell’Ufficio Agenda 21 oltre al settore di edilizia civile bisognerà installare pannelli solari “anche nelle scuole e nelle vecchie costruzioni” (fonte Il meridiano)