• Articolo , 8 novembre 2008
  • Per un Piemonte ‘rinnovabile’: convegni a Fossano ed Alba

  • Con gli Stati Generali dell’Energia, tenutisi nel maggio scorso, il Piemonte si è prefisso l’obiettivo di favorire l’impiego delle energie rinnovabili e la difesa dell’ambiente, diventando il motore ecologico del nostro Paese realizzando, tra le prime regioni d’Italia, quanto l’Unione Europea ha stabilito di ottenere entro il termine massimo del 2020. Per far giungere il […]

Con gli Stati Generali dell’Energia, tenutisi nel maggio scorso, il Piemonte si è prefisso l’obiettivo di favorire l’impiego delle energie rinnovabili e la difesa dell’ambiente, diventando il motore ecologico del nostro Paese realizzando, tra le prime regioni d’Italia, quanto l’Unione Europea ha stabilito di ottenere entro il termine massimo del 2020. Per far giungere il messaggio in tutti i capoluoghi di provincia e nei maggiori centri piemontesi è stato organizzato il tour denominato ‘Uniamo le energie’, 9 tappe durante le quali un ampio allestimento denominato ‘Energy Village’ viene animato da aree espositive, incontri informativi con le scuole e da workshop per le imprese e i professionisti del settore.

“Nella nostra provincia – dichiara il consigliere regionale Mariano Rabino – l’iniziativa ‘Uniamo le Energie’ sarà ad Alba dal 27 al 30 novembre, presso il Palazzo dei Congressi di Piazza Medford replicando la tappa estiva di Cuneo, quando l’evento è stato ospitato all’interno della Grande Fiera d’Estate. Per continuare l’opera di sensibilizzazione e informazione nei confronti della politica energetica regionale, volta alla trasformazione del Piemonte verso un sistema energeticamente più ecosostenibile, insieme all’amministrazione comunale di Fossano, particolarmente sensibile all’argomento, il prossimo 13 novembre ho pensato di organizzare il convegno dal titolo: ‘Uniamo le energie: verso l’autonomia energetica del Piemonte’ durante il quale affrontare il tema delle energie alternative. Relatori dell’incontro, aperto a tutti coloro che sono interessati all’argomento, saranno il meteorologo Luca Mercalli, reso famoso dalla sua partecipazione alla trasmissione televisiva di Rai3 ‘Che tempo che fa’ che parlerà di ‘Sole e risparmio energetico: il petrolio del Piemonte’, Giuseppe Gamba, che analizzerà le sfide e le opportunità offerte da ‘Uniamo le Energie’ e Pier Paolo Carini, amministratore delegato di Egea, che affronterà il tema ‘Energia e ambiente: nel dialogo pubblico-privato una leva di grande sviluppo per l’economia e per il Piemonte. L’esperienza di Ardea’ con riferimento alla nascita della società a partecipazione pubblico-privata Ardea, il cui atto costitutivo sarà firmato ad Alba nella stessa giornata in cui si terrà il convegno di Fossano. Le conclusioni spetteranno alla presidente della Giunta regionale del Piemonte, Mercedes Bresso, che illustrerà la politica regionale in materia. La sfida energetico-ambientale che la Regione ha accettato è quella di ridurre del 20% il consumo energetico e del 20% le emissioni di gas serra e quella di arrivare al 20% di passaggio a fonti di energia alternative e rinnovabili, valori da raggiungere tutti insieme entro il 2020.

Il nostro coinvolgimento in questo progetto – conclude il consigliere Rabino – non richiede, per altro, un impegni particolarmente gravoso. Basterebbe partire da piccoli, ma significativi gesti come spegnere le luci nelle stanze vuote, controllare il termostato e lo scaldabagno, spegnere i termosifoni anziché aprire le finestre, spegnere il computer quando non utilizzato, scegliere elettrodomestici e autovetture a basso consumo – a questo proposito, negli scorsi mesi mi sono personalmente impegnato a favore del Gpl – per avere un significativo impatto per la riduzione dei consumi e delle emissioni inquinanti, soprattutto se siamo in tanti a impegnarci”.

‘Uniamo le energie: verso l’autonomia energetica del Piemonte’ si terrà il 13 novembre a Fossano, presso la sala convegni del Castello degli Acaja, a partire dalle 17.45.
C. S.