• Articolo , 9 gennaio 2009
  • Piano strategico triennale per l’Energia

  • Un’audizione generale a consultazione pubblica per quanto riguarda il piano energetico, subito dopo avverrà la presentazione al Parlamento e quindi al Governo

Parte il piano strategico triennale 2009-2011 dopo l’approvazione dell’Autorità per l’Energia, piano che sarà composto da sette obiettivi ognuno dei quali prevede il raggiungimento di altri traguardi. Eccone una sintesi.
* Promuovere lo sviluppo di mercati concorrenziali sviluppando i mercati dell’elettricità e del gas.
* Favorire la formazione di mercati internazionale dell’elettricità e del gas.
* Rendere più adeguata l’offerta e delimitare la posizione dominante degli attori principali del mercato.
* Incentivare e sviluppare sia l’efficienza che l’economicità delle infrastrutture necessarie garantendone l’adeguatezza, e la sicurezza delle infrastrutture, l’economicità dei servizi di rete.
* Assicurare un accesso libero e senza discriminazioni alle infrastrutture regolate.
* Tutelare i clienti anche attraverso la completa apertura dei mercati da parte della domanda; con regole e tutele specifiche per le diverse categorie di clienti.
* Spingere ad un utilizzo razionale dell’energia a favore della tutela ambientale: tramite l’efficienza energetica dell’utenza finale, scelte per lo sviluppo sostenibile, integrando nel sistema le fonti rinnovabili.
* Mettere in pratica la semplificazione di normative e discipline con un attento monitoraggio sulla adeguata applicazione della normativa da parte dei soggetti regolati.
* Migliorare l’efficienza operativa dell’Autorità con uno sviluppo delle risorse umane, della struttura organizzativa e quella finanziaria.
* Confermare la valorizzazione della metodologia di analisi di impatto della regolazione (AIR, al termine della sua fase di sperimentazione) per una semplificazione amministrativa.
* Garantire da parte dell”Autorità una maggiore efficacia sia delle regole già in essere, che per un adeguata crescita della competitività nel mercato nell’interesse del consumatore.