• Articolo , 5 settembre 2008
  • Piastrelle in ceramica…fotovoltaica

  • Grazie alla sinergia tra ricerca avanzata, avanguardia tecnologica e scommessa su un futuro sostenibile, l’impiego di fonti di energia alternativa trova ogni giorno una frontiera aperta: è questo il caso dell’integrazione del fotovoltaico nella ceramica di piastrelle per il rivestimento di facciate ventilate

Dopo le tegole fotovoltaiche, le finestre intelligenti e i frangisole in silicio, ecco affacciarsi anche sul mercato italiano una sfida al mondo dell’integrazione intelligente tra architettura e tecnologie a energia “pulita”, che questa volta sembrano aver raggiunto la massima forma di espressione, riuscendo a dialogare con i materiali della tradizione, patrimonio della cultura costruttiva del Bel Paese insieme all’affezionato mattone: le piastrelle in ceramica.
Il CECERBENCH, ovvero il “Laboratorio sviluppo piastrelle con superficie funzionalizzata” del Centro Ceramico di Bologna, all’avanguardia nella ricerca e nella produzione di elementi in ceramica per rivestimenti di qualsiasi tipo, partendo dalla tradizionale piastrella in ceramica ha sviluppato nel corso degli anni prodotti ad alte prestazioni incentrate sul potenziamento delle qualità estetiche e delle caratteristiche funzionali e prestazionali del materiale.
Nella fattispecie i professionisti che coordinano le attività del Laboratorio, focalizzando l’attenzione sul rivestimento per facciate ventilate, sono riusciti a realizzare un tipo di piastrella sulla cui superficie è possibile integrare perfettamente una superficie di materiale adatto alla produzione dell’energia elettrica attraverso la tecnologia fotovoltaica, allo scopo di sostituire interamente l’ultimo strato superficiale, lo smalto di finitura, delle piastrelle con un materiale fotosensibile in grado di trasformare la radiazione solare in energia in modo diretto. L’idea è dunque quella di integrare alla piastrella uno strato superficiale in grado di trasformare la luce in energia elettrica, successivamente trasmessa attraverso un sistema di conduzione, integrato nello strato immediatamente sottostante.
Il CECERBENCH ha debuttato nella Fiera “Research to Business” del maggio scorso, fiera internazionale della ricerca scientifica, con un prototipo di piastrella fotovoltaica finalizzata al rivestimento esterno delle facciate degli edifici, lanciando una vera e propria sfida all’integrazione architettonica delle nuove tecnologie. Arturo Salomoni, responsabile del Laboratorio, afferma che un edificio interamente rivestito con simili piastrelle sarebbe in grado di produrre almeno il 30% dell’energia necessaria agli appartamenti in esso ospitati. Ad oggi il Laboratorio ha realizzato esemplari di queste piastrelle in formato 10×10 centimetri, con la promessa di mettere in produzione entro due anni elementi di dimensioni standard 30×30 cm e 60×60 cm, maggiormente utilizzate per il rivestimento di facciate ventilate e quindi più adatte all’industrializzazione ed alla diffusione.
Ma in Italia il Centro Ceramico di Bologna non è il solo ad aver sperimentato questa tecnologia, segno che anche nel nostro Paese si investe ogni giorno di più nello sviluppo di tecnologie a basso impatto. Anche la Garavini, infatti, azienda di Vignola, nel modenese, produttrice di elementi di rivestimento in materiali naturali quali marmo e granito, oltre al quarzo resina ed al porcellanato, ha ideato e prodotto piastrelle integrate a celle fotovoltaiche per la produzione di energia elettrica, impiegate come rivestimento esterno in un progetto di ampio respiro firmato dall’azienda Del Conca s.p.a.

_Fonte_ : “www.cencerbo.it”:http://www.cencerbo.it