• Articolo , 7 maggio 2009
  • Poggio Renatico in classe A

  • E’ culminato nella serata informativa “Ambiente ed Energia, ovvero… Conoscere per risparmiare ed investire nel futuro” il percorso di sensibilizzazione alla tutela ambientale e al risparmio energetico condotto a Poggio Renatico. L’iniziativa, organizzata dall’Amministrazione comunale, fonda sulla convinzione che ognuno possa e debba fare la propria parte, nella consapevolezza che il comportamento di ognuno pesa […]

E’ culminato nella serata informativa “Ambiente ed Energia, ovvero… Conoscere per risparmiare ed investire nel futuro” il percorso di sensibilizzazione alla tutela ambientale e al risparmio energetico condotto a Poggio Renatico. L’iniziativa, organizzata dall’Amministrazione comunale, fonda sulla convinzione che ognuno possa e debba fare la propria parte, nella consapevolezza che il comportamento di ognuno pesa e incide sulla salute del nostro pianeta e dei suoi abitanti. Sono stati dunque illustrati da tecnici ed esperti i mezzi e le azioni per contrastare le emissioni di gas – causa dei cambiamenti climatici già in atto -, attraverso il miglioramento dell’efficienza energetica e l’investimento nelle energie rinnovabili. L’ingegnere Michele Cocchi ha introdotto il quaderno di tecnologia e suggerimenti pratici “Energica mente: impariamo a pensare il nostro futuro”, rivolto alla comunità poggese. La pubblicazione raccoglie informazioni relative agli interventi sui fabbricati, dall’involucro esterno e agli impianti alimentati da fonti rinnovabili (fotovoltaico, solare termico, geotermico), relative alla certificazione energetica e agli incentivi economici, ma anche ai corretti comportamenti quotidiani. Elena Scaratti, presidente di Archinnova, ha condotto una sorta di viaggio verso l’“era solare” riportando un’esperienza di efficienza energetica: un edificio progettato a Bondeno e sottoposto a certificazione Casa Clima. «Ciò che costruiamo lascia un segno per decenni – ha affermato – Il futuro è oggi: gli adulti di domani vivono già nel nostro presente. Abbiamo quindi il dovere di agire pensando alle conseguenze delle nostre azioni». Infine, Massimo Cenerini, responsabile del servizio politiche energetiche della Regione Emilia Romagna, ha rimarcato nel corso del suo intervento l’importanza dell’informazione e dell’orientamento «per offrire una prospettiva di un futuro diverso».