• Articolo , 13 giugno 2011
  • Polli-Boat, dai rifiuti di plastica lo ‘spot’ nautico per l’ambiente

  • E’ partita solo qualche giorno fa dal principale porti di Taipei l’eco-barca realizzata con bottiglie di plastica e vecchi striscioni pubblicitari. Obiettivo, divenire vetrina della nautica sostenibile

(Rinnovabili.it) – S’ispira al mantra della gestione sostenibile dei rifiuti – _Ridurre, Riutilizzare e Riciclare_ (3R) – e incarna l’ultima moda di fare propaganda ambientale. Si tratta di “Polli-Boat”:http://www.miniwiz.com/projects/polli-boat, il trimarano disegnato e progettato da Miniwiz SED, interamente costituito da bottiglie di plastica e altri materiali di recupero.
La speciale imbarcazione misura sette metri di lunghezza e possiede un pontone di galleggiamento costituito da 760 _Polli-bricks,_ mattoncini a base di bottiglie usate e fogli di polietilene tereftalato rafforzato (PET), la cui forma esagonale consente loro di essere facilmente incastrati e sopportare la pressione delle vele; quest’ultime hanno preso vita a partire da vecchi striscioni pubblicitari.
“Il concetto alla base di Polli-Boat è che impieghi il 100% di spazzatura”, ha spiegato Arthur Huang, fondatore e amministratore delegato della Miniwiz. “Inoltre è alimentata solo da risorse rinnovabili – ovviamente dal vento catturato tramite la vela e dal sole sfruttato da sei moduli solari”. 432 Watt di capacità totale che permettono all’imbarcazione di ricaricare il proprio motore elettrico e navigare così anche in caso di calma piatta. Il debutto ufficiale è avvenuto il 31 marzo 2011, quando il trimarano ha preso parte ad una regata tra barche ecologiche sponsorizzata dal Canale National Geographic di Taiwan. Ma ora a Polli-Boat spetta la sfida più interessante. L’imbarcazione, infatti, ha levato gli ormeggi solo qualche giorno pronta a navigare le acque taiwanesi con l’obiettivo di diffondere ed aumentare la consapevolezza nei confronti dell’ambiente marino.