• Articolo , 10 giugno 2010
  • Potenza: da lunedì entra nel vivo progetto Ener Supply

  • Dopo la prima fase organizzativa, il partenariato del progetto Ener Supply capeggiato dal Comune di Potenza entra nel vivo con l’organizzazione di un corso di formazione rivolto ad addestrare i formatori. A Potenza da tutta l’area danubiana e balcanica arriveranno lunedì prossimo 14 giugno 35 esperti per essere istruiti e formare a loro volta i […]

Dopo la prima fase organizzativa, il partenariato del progetto Ener Supply capeggiato dal Comune di Potenza entra nel vivo con l’organizzazione di un corso di formazione rivolto ad addestrare i formatori. A Potenza da tutta l’area danubiana e balcanica arriveranno lunedì prossimo 14 giugno 35 esperti per essere istruiti e formare a loro volta i tecnici delle proprie Amministrazioni locali. A questi si sommano 9 esperti locali dal Comune di Potenza, CNR e dell’Università di Basilicata.
Il corso di 40 ore in aula e 20 ore di e-learning – spiega una nota dell’ufficio stampa del Comune – prevede sessioni specifiche sullo sviluppo di mappe territoriali e di studi di fattibilità sulle fonti energetiche rinnovabili. Temi principali saranno: geotermia, biomasse, eolico, idroelettrico e valutazione degli investimenti.
I partecipanti si ritroveranno alle ore 9 di lunedì 14 giugno presso la Sala del Campanile di Palazzo Loffredo per il Comitato di Pilotaggio per poi spostarsi, a partire dal pomeriggio, presso il Ridotto dello Stabile dove comincerà il corso.
I docenti di alto profilo provengono da Organismi che hanno maturato esperienza internazionale specifica sui temi trattati.
Gli esperti dopo la formazione lavoreranno con i partner per avviare la formazione in ogni singolo territorio. Nell’area metropolitana di Potenza la formazione rivolta ai tecnici locali sarà sviluppata nel prossimo ottobre e avrà l’obiettivo di colmare i fabbisogni formativi sul tema delle rinnovabili. Allo stato attuale l’analisi ha rilevato come solo il 7% dei tecnici abbia una conoscenza approfondita degli strumenti e delle materie.
“Il Comune di Potenza, attraverso la programmazione europea sviluppata –ha detto il sindaco di Potenza, Vito Santarsiero- individuerà interventi che saranno complemento, di integrazione e valorizzazione del lavoro di pianificazione strategica metropolitana. In questo lo sforzo è ambizioso: raccogliere le competenze consolidate a livello internazionale e riversarle nella programmazione del territorio.
Le scelte giuste che maturano dall’esperienza internazionale –ha aggiunto- consentiranno al Comune e all’area metropolitana di determinare scelte di organizzazione e pianificazione del territorio evitando di commettere errori e avviare la definizione di un piano che avrò l’obiettivo di creare investimenti creare nuova occupazione nel rispetto dell’ambiente. Iniziando ad attestarsi sempre di più come laboratorio di idee all’interno del Mezzogiorno.
Accanto a questo ruolo di impatto territoriale in cui a beneficiarne è l’intera area metropolitana coordina le attività in ambito Balcanico e dei Paesi Danubiani. Potenza punto di riferimento per le comunità locali del Sud Est Europa.
“Si tratta – ha concluso il sindaco – di un’azione politica di medio periodo in cui l’Amministrazione comunale ha il coraggio di analizzare, dimensionare il problema e affrontarlo. Rilanciare gli investimenti in settori così innovativi come le fonti rinnovabili richiede elevate competenze. Il Comune di Potenza lo sa e investe nella formazione dei suoi tecnici e dei territori limitrofi.”
Si ricorda che il progetto prevede il sostegno delle Municipalità locali attraverso un programma di rafforzamento della capacità istituzionale. In 36 mesi il partenariato svilupperà mappe per le fonti rinnovabili, oltre 1.700.000 euro di budget.